Commenti recenti

Addestramento di una moglie su richiesta del marit
hello my family member i want to say that this art
-----------------------------------------------------
Addestramento di una moglie su richiesta del marit
wow this could be one particular of the most usefu
-----------------------------------------------------
Schiave del mio cazzo
voglioscopare
-----------------------------------------------------
Prime Esperienze Con Il Cugino
anche io ho un cugino di pari età e quando avevam
-----------------------------------------------------
L'uomo tedesco combatte insieme madre e madre
a me è successo quando avevo 20 anni mentre stavo
-----------------------------------------------------
come si diventa cuckold
bravi e unesperienza stupenda e goduriosa vedere l
-----------------------------------------------------
Regalo di compleanno speciale
e fantastico.....fare sesso con la moglie e lamich
-----------------------------------------------------
Io e la mamma di Luca
ottimo
-----------------------------------------------------
Maestro sesso video francese College Girl
bello
-----------------------------------------------------
Hellen ed i miei sogni
bel racconto le bionde sono sempre le migliori e m
-----------------------------------------------------

Etichette

giovani travesta inculati xxx.mia suocera a delle tette meravigliosi.porno italiano. nuovo video porno gratis di mamma e figlio signora milano amatoriale video porno signora fa pompino a ragazzo che dorme pompini amatoriali dialogo italiano porno di seghe da ragazze stupende video mature grasse gratis mama vdio porno video di whatsapp porno si scopa lamico italialiano nikki bella foto porno video hard trans con donne matur porno mi sono scopato una russa porno donloud gola frofonda porno la mamma dorme porno teen violentate anali gratis moglie scopa con sconosciuti lesbiche porche pelose video gratis matura scopa a pagamento figlio lecca figa a sua madre italiane che ingoiano sborra fotoporno mature gratis film vidio porno uomini nudi scopats ricchiome amatoriali tettone pprno in casa provino porno porno italiani video porno di naomi moglie lesbica video danza sesso gratis video porno gratis mamma figlio video porno amatoriali giovani coppie18 enni video scopate internazionale you porn gratis vigilesse tettone cerco vedio di porno video mamma e figlio ragazze ricoperte di sborrate video gradis nonne 68 anni ihd/porno/lesbo/itali filmpornomariabellucci porno lesbiche anziane video porno dolci amori gay milf sesso nonni pompinari pornorossoporno SESSO EROTICO ITALIANO prima inculata sega figlio foto cazzi dentro figa eniemi film hard italiani gratuiti mamma stuprata e obbligata nel sonno film porno gratis figlio trova madre sotto al cavallo vedere vidio porno gratis vechia fa pompino video trombate con donna pulizie serena grandiporno scopategratis video di mia mamma me lo succhia video porno per warthapp filmini italiani hard video porno compilation seghe da donne mature zia porno redhead porno itali bonda sexi porno a tre due donne e un uomo scopta e leccate suocera matura tutto pompini video Vecchie fighe che trombano vidro porno baby ebony russian institute 18 video la casalinga tettona film porno paradiso italiana da pompini trans neri cazzo piu grande del mondo video telelefonini porno di ragazze a scuola imagoni foto porno tettone sesso anale con cazzi giganti grandi fiche nere porn pelose ragazze ragazza piscia si masturba voglio porno porno belle tailandesi puttana di strada scopa xnxxilvideo ragazza si fa inculare da ub cane mentre fa pompino video matura lo prende nel culo video trans e lesbiche porno gratis nona con nipote babe sfondata da cazzone pisciate in bocca compilation ejaculazione cremosa femminile hd video porno compiletion porno mature con ragazzi Dentroporno porno hijab real video sex giovani video di coppia gratis video hard divertente porche bionde che vogliono leccare la figa porno soldi italian paga con porno carica video porno fiche che sborreano mogli italiane cuckold reali

Strumenti

Gratis Porno Filmati - Storie Di Sesso

Sognando 1^ parte

Ero tornato all'università dopo l'estate passata a casa, una vacanza piuttosto noiosa. Ero contento di ritornare, mi mancava la città. Comunque quello era il primo giorno con un corso nuovo ed un professore nuovo.
Entrando nell'aula vidi che c'erano soprattutto le persone che avevo conosciuto l'anno precedente. Si trattava principalmente delle stesse persone che avevano frequentato i miei stessi corsi, non che fosse un problema. Presentava ampie opportunità di fare un gruppo molto unito di amici con la possibilità di studiare meglio in tutti i corsi.
Era un piccolo corso, circa 18 persone. Io scelsi il posto vicino ad Enrico, un caro amico per il quale avevo sbavato l'anno prima, senza che lui lo sapesse. Quando il professore entrò portava una bracciata di vecchi quaderni che mi sembrarono molto strani. Lui ne spiegò la presenza non appena cominciò a parlare.
Sembrava che fosse un professore molto meticoloso e pur tenendo un piccolo corso aveva raccolto i quaderni che gli studenti aveva tenuto l'anno precedente.
Appoggiò la pila di quaderni ed iniziò ad indicare per ognuno le cose giuste e sbagliate. Alla fine chiamò il mio nome ed alzò un quaderno che, con mio imbarazzo, aveva una copertina con l'immagine di un uomo vicino ad una bicicletta con indosso solo un paio di stretti shorts.
Non essendo ancora completamente aperto sulla mia sessualità (dovete sapere che sono bisex) questo era un vero colpo. Mentre apriva il quaderno mi resi conto di tre cose. La prima che il quaderno era del tipo per le elementari. La seconda che noi avevo mai avuto quella copertina su un mio quaderno. E da questo compresi che stavo sognando.

Era bene non sprecare un il buon sogno, specialmente uno che comprendesse Enrico, svegliandosi. Siccome era un sogno potevo fare qualsiasi cosa volessi, e lo feci.
Prima allungai una mano e la copertina volò nella mia mano, una volta presa la girai mostrando il nome Carlo V., evidentemente non il mio dissi alla classe per acquietarne i nitriti. Prendendo poi il quaderno dalla mano del professore indicai che era di quinta elementare.
Ora bisognava rivolgere l'attenzione ad Enrico. Improvvisamente non eravamo più nella classe ma nel mio appartamento.
Enrico mi si rivolse e disse: "E' una vergogna che la figura non fosse tua."
Sorridendo lo guardai nei begli occhi blu-verdi e dissi: "Perché? Tu hai un aspetto molto migliore." Poi mi avvicinai e lo baciai. La sua prima risposta fu uno shock, poi cominciò a rispondere al bacio.
Un bacio molto appassionato, con le nostre lingue che si aggrovigliavano lottando avanti ed indietro tra le nostre bocche. Allungai una mano dietro di lui per toccargli il culo. Quel rotondo culo perfetto che avevo ammirato tante volte, guardandolo come lo dondolava leggermente quando camminava, o guardandolo stretto nei pantaloncini che indossava quando pattinava.
Lo portai sopra il divano in modo che i nostri corpi fossero pigiati uno all'altro. Quel contatto mi eccitò anche attraverso i vestiti. Non era comunque sufficiente. Non appena lo pensai le nostre camicie scomparvero. Il contatto tra i nostri toraci spedì brividi dappertutto sulla mia pelle mentre il nostro bacio continuava. Rotolai per mettermi di sopra ed interrruppi il bacio. Scesi a baciare il collo, il torace e poi il capezzolo destro. Leccando e succhiando, il capezzolo bronzeo divenne rapidamente eretto.
Mi mossi sul capezzolo sinistro e continuai quello che avevo cominciato sul suo gemello. Enrico emise un gemito morbido mentre faceva correre le dita tra i miei capelli. Ritornai alla sua bocca e lo baciai di nuovo. Poi rimossi i nostri pantaloncini.
Il suo ombelico catturò la mia attenzione. Rivestito di morbidi peli che sembrava volessero attirarmi. Leccai e succhiai e baciai tutto il suo stomaco e tra i muscoli del suo addome.

Alla fine lui decise che era il suo turno di mettersi di sopra, mi spinse all'altro capo del divano, poi salì su di me. Baciandomi più aggressivamente di quanto avesse fatto prima.
Continuò scendendo sul collo, baciando e leccando scese al torace. Poi stuzzicando il mio capezzolo destro con la mano e l'altro con la lingua, cominciò a muoversi verso il basso. Scese baciando lo stomaco e, attraverso gli addominali, giù all'ombelico. Colpendolo leggermente con la lingua dentro ed intorno.
Io ero in paradiso. Mentre continuava a leccarmi lo stomaco, abbassò una mano ad afferrare il mio uccello rigido attraverso i miei boxer di seta.
Carezzandolo leggermente attraverso la stoffa e godendo la sensazione della sua contrazione nella sua prigione di stoffa. Poi spostò ulteriormente in giù la mano, a modellare le mie palle nella stoffa. Ma questo non era sufficiente. Lui voleva di più. Fece scivolare la mano in giù lungo la mia gamba finché non raggiunse la fine dei miei boxer, facendo poi scivolare la mano dalla gamba dentro le mutande.
Entrò e massaggiò brevemente le mie noci. Poi spostò la mano in giù a carezzare piano l'area sensibile tra le palle ed il buco del culo. Questo movimento spedì brividi di delizia attraverso la mia pelle.

Ne aveva avuto abbastanza di stuzzicare. Con un movimento fluido mi alzò le gambe e fece scivolare via i miei boxer. Cominciò a leccare il mio sacco con una lunga carezza facendomi lamentare di piacere. Poi avvolse una mano intorno alla mia asta dura come acciaio. Fece scivolare il pollice sulla testa spalmando la pre eiaculazione sulla punta e facendomi lamentare e
contorcere in estasi. Aprì la bocca e sommerse la cappella. Fece scivolare la lingua intorno alla cresta della testa facendomi gemere ancora di più.
Posai una mano sulla sua testa, la sua bella testa che era mi stava dando tanto piacere. Quando passai le dita tra i suoi capelli, lui cominciò ad ingoiare il mio uccello, quando finalmente arrivò alla base, cominciò una suzione intensa riportandosi lentamente alla cappella. Iniziò un lento moto su e giù mentre tutto quello che riuscivo a fare era lamentarmi di piacere.
Alla fine chiamai a raccolta la forza per tirarlo via dal mio uccello. Baciandolo gli dissi che non volevo sparare così presto. Abbassai una mano a sentire il suo pene che tendeva la stoffa che lo imprigionava. Quasi strappandogli i boxer per la mia furia di toglierglieli, feci scivolare la lingua sul suo organo d'acciaio. Leccando tutt'intorno alla fessura e coprendo la cappella con la mia saliva. Lasciai che la testa scivolasse in bocca assaporando la sensazione della pelle liscia e vellutata che copriva il suo pene di pietra. Scesi alla base del cazzo per poi risalire pulendolo ed aspirando fino alla cima.
Allacciò le dita dietro alla mia testa stringendomi così ermeticamente da farmi capire che era perso nel piacere che stava provando. Mentre continuavo a giocare con il suo uccello usando la lingua, sentii il suo corpo tendersi. Capii che quasi c'era. Questo non fece che accelerare le mie azioni portandolo ai pazzi contorcimenti dell'orgasmo.
Le sue mani si strinsero intorno alla mia testa tenendomi alla base del suo uccello. Sparò un rapido sprizzo di sperma prima che tirassi indietro la testa fino alla punta. Volevo assaggiare il suo dolce nettare che per tanto tempo avevo desiderato. Colpo dopo che colpo sparò nella mia bocca ed io presi ogni goccia preziosa nella mia bocca.
Dopo essermi finalmente rilassato mi riportai alla sua bocca e lo baciai dandogli un po' del suo sperma che avevo salvato per lui. Le nostre lingue si attorcigliarono e ne assaporai in estasi il sapore.

Ma ora era il suo turno.

Ci fece rotolare così io ancora una volta mi trovai sdraiato sotto di lui. E lui di nuovo baciò scendendo sul mio corpo. Giù al mio torace, giù al mio stomaco, aggirando il mio uccello rigido, che era indolenzito in attesa della liberazione, giù alle mie palle leccandole brevemente prima di passare al punto più sensibile tra le mie gambe. La sua lingua mi stava facendo diventare selvaggio, ero al limite di sparare. Ma lui aveva altri piani e, prima che giungessi al punto di non ritorno, la sua lingua viaggiava verso l'alto e la sua bocca avvolse, a turno, ognuno dei miei testicoli. Li fece rotolare delicatamente nella bocca e li massaggiò con la lingua.
Alla fine ne ebbe abbastanza di stuzzicarmi e cominciò a leccare come un gatto la pelle delle mie palle, salendo lentamente alla base dell'uccello, leccando lungo la parte inferiore per salire alla cresta della testa, passandoci la lingua con colpi delicati e lunghi. Si mosse in su sommergendo la testa con la bocca. Leccando la fessura assaggiò la mia pre eiaculazione che aveva cominciato a fluire come un fiume. Io stavo tremando quando la sua bocca si tolse dalla testa del mio pene e cominciò a leccare lentamente rifacendo il percorso che aveva seguito precedentemente.
Improvvisamente l'orgasmo mi colpì. Gridai ed il mio uccello cominciò a sparare. La prima coppia di colpi atterrò sulla sua faccia, il mio sperma colava lungo una delle sue sopracciglia e la guancia. Ma prima che sparassi ancora riprese in bocca la cappella ed ingoiò ogni colpo di bianco e cremoso sperma.
Dopo che mi fui rilassato risalì alla mia faccia. Io leccai via la mia sborra dal suo viso. Era rotolata giù lungo la guancia lasciando striscia dalla fronte alla mascella. Soddisfatto di avergli pulito la faccia, mi spostai alla sua bocca e lo baciai profondamente. Restammo sdraiati coccolandoci uno in braccio all'altro, attardandoci nella beatitudine orgasmica.

Improvvisamente mi sedetti sul letto, ero stato svegliato da qualche cosa. Cos'era? Ero ancora confuso per il transito improvviso dal sonno alla veglia. Era il suono del telefono. Mi alzai ed attraversai la camera per raggiungere il ricevitore.
Era la mia mamma. Ecco il modo di rovinare una mattina perfetta fino a quel momento. In pochi secondi il mio uccello diventò molle. Quando finalmente mi districai dalla conversazione, non avevo più il desiderio di masturbarmi ed andai a fare una doccia.
La sensazione dell'acqua calda che grondava lungo il mio corpo era meravigliosa. Chiusi gli occhi. Improvvisamente il telefono trillò di nuovo. Uscii dalla doccia e tornai all'apparecchio; pensando che fosse ancora la mamma ero irritato e risposi al telefono con un "Ciao" brusco.
La voce all'altro capo cominciò di nuovo ad eccitarmi l'uccello. Era Enrico.
"Hallo, Mark?"
"Sì, ciao Enrico. Mi spiace di aver risposto sgarbatamente ma mi ha chiamato mia mamma alcuni minuti fa, poi ero andato sotto la doccia e pensavo che fosse di nuovo lei."
"Oh bene tutto ok."
"Come mai mi hai chiamato?"
"Ora che ci penso mi sembra una cosa stupida."
"Beh, ora che mi hai chiamato dimmi di cosa si tratta."
"Sì beh, era solo che ho fatto un sogno strano e so che hai partecipato ad un paio di corsi di psicanalisi."
"Oh ok, raccontamelo."
"Beh la cosa più strana era che tu eri nel sogno..."

.................

"Beh, la cosa più strana era che tu eri nel sogno... "
"Uoa, aspetta un minuto, io ero nel tuo sogno? Questo è piuttosto strano."
"Sì, c'eri." Lo sentii esitare all'altro capo della linea, dannazione, avrei dovuto muovermi meglio, non era necessario trattarlo quasi come uno stravagante. "Beh, era un sogno strano."
"Bene", continuò, io pensai che l'avrei perso. "Sì, dimmi."
"Huh?"
"Ho detto di raccontarmi." Uau, ritirata strategica.
"Da come parlavi mi embrava che anche tu avessi avuto un sogno strano." Dannazione, mi conosceva troppo bene.
Mi dichiarai sconfitto: "Ebbene sì, l'ho fatto... " e dopo una breve pausa decise di sparare "e tu eri nel mio sogno..." Non poteva far male, dopo tutto anche lui mi stava sognando.

Decisi che forse dovevamo parlarne di persona. "Perché non ci incontriamo da qualche parte e ne parliamo, ho veramente bisogno del mio caffè mattutino."
"Anch'io, vediamoci fra venti minuti al bar dell'università, io devo farmi una doccia." Mmmm, il pensiero di lui sotto la doccia e l'effetto del sogno mi stava eccitando di nuovo.
"Ok, ci vediamo là."

Agganciai e mi vestii rapidamente. Uscii dal mio appartamento ed andai a prendere il bus.
Alcuni minuti più tardi ero all'università, Enrico non c'era ed andai a prendere un tavolo. Arrivò alcuni minuti più tardi, entrò ed io agitai la mano per attirare la sua attenzione.
"Ciao."
"Buon giorno, pronto per del caffè."
"Assolutamente sì."
Mentre ci avviavamo per il caffè ed una brioche non potevo fare a meno di fissare il suo bel culo.
"Tutto ok? " Fu il suo commento che mi tolse dalla mia fantasticheria.
"Sì, sto bene."
"Ne sei sicuro, hai un aspetto un po' fuori."
"Sì, penso di non essere completamente in me oggi." Chiaramente sarei stato meglio con lui nel mio appartamento, a letto o sul sofà, o sul pavimento, o sotto la doccia. Tutti i luoghi mi sembravano buoni.
Una tazza di caffè in una mano ed una brioche nell'altra ritornammo al nostro tavolo. Ci fu una pausa imbarazzata, nessuno di noi sapeva come cominciare, così bevemmo il nostro caffè.
Poi il caffè finì: "Così hai avuto un sogno strano la notte scorsa, anch'io."
"Sì me l'hai detto prima."
Un altro momento imbarazzato, dannazione, perché non poteva essere più facile.
"Chi comincia per primo?" Non era il modo che avevo sperato e guardai la mia tazza tentando invano di alleviare la tensione.
"Non so, il mio sogno era piuttosto personale... "
"Lo stesso il mio." Alzai lo sguardo e vidi che mi fissava I nostri occhi erano incollati gli uni agli altri. Era come una finestra che si apriva, guardando nei suoi occhi blu, dentro di loro potevo vedere nella sua mente. E sicuramente lui poteva vedere il turbine di sentimenti che si inseguivano nella mia testa.
E' incredibile cosa può fare l'istinto quando la logica fallisce. In un istante molte informazioni che avevamo problemi a condividere passarono da uno all'altro.
Poi la logica riprese il sopravvento...
Hmmm, forse avremmo dovuto tentare in qualche luogo un poco più privato, quello avrebbe potuto aiutare. "Beh, sai non voglio svelare il mio sogno in pubblico e mi sembra che neanche tu lo voglia."
"No, effettivamente non voglio."
"Quindi vuoi andare in qualche luogo privato?"
"Sì potremmo andare nella mia stanza, è più vicina, ma è probabile che il mio compagno di camera sia ancora là."
"Va bene, possiamo andare al mio appartamento, ci si arriva in fretta col bus."
"Sì, ok."

Lasciammo l'università e, per un po', lasciammo anche l'imbarazzo. Viaggiare sul bus mi ridiede la speranza, scherzammo insieme come sempre, come se nulla fosse accaduto e nulla stesse accadendo. Eravamo solo due buoni amici in autobus.

Ma poi arrivò la mia fermata e la tensione cominciò a crescere di nuovo. Sapevamo che stavamo per affrontare la questione per la quale eravamo scappati dal bar.
Silenziosi, a differenza del comportamento sul bus, ci dirigemmo verso il mio edificio ed il mio appartamento. Chiusi la porta dietro di noi quando entrammo.
"Vuoi qualche cosa da bere?" Mi fermai tentando di riordinare i pensieri.
"Grazie."
Presi un un paio di birre nel frigor e tornai in soggiorno; lui si era seduto sul sofà. Gli diedi la sua e mi sedetti all'altro capo del divano.
"Allora...?" Non ci potevano essere parole per una situazione così.
"Sì." Beh almeno lui era a disagio come me. Non so se avrei potuto affrontare la situazione se lo fossi stato solo io.
Ancora una volta lo guardai negli occhi e in quel momento avvenne il collegamento. Mi diede il coraggio di farlo. Poi mi chinai verso di lui e lo baciai molto dolcemente.
Per un momento pensai di essere andato troppo oltre poi lui cominciò a baciarmi. Era meraviglioso come il lampo che correva su e giù per la mia spina dorsale.

Poi lui improvvisamente si tolse. Cosa era accaduto? Cosa era andato male? Cosa l'aveva offeso?
"Oh cazzo! Mi spiace, non volevo..."
Fortunatamente per me non mi permise di finire. "È ok, non è per te, è per me. Io non so... Voglio dire che non ho mai... è solo che... "
Poi capii; era la sua prima volta. Non di sesso certamente, ma la sua prima volta con un altro uomo. Anche le mie esperienze con uomini fino a quel momento erano state scarse. Anche in una grande città come quella in cui vivevo, dove le attività non eterosessuali erano accettate, era difficile farlo.
"Tutto ok, possiamo farlo con calma, penso che sarebbe meglio per ambedue."
E sorrise del suo bel, meraviglioso sorriso, il sorriso che fece passare il calore attraverso il mio corpo. Ed io gli sorrisi. Restammo seduti per un minuto, sorridendoci l'un l'altro in una semplice comunione silenziosa. Se un ritratto vale più di mille parole, un sorriso ne deve valere diecimila. Ma non poteva durare per sempre, doveva finire ad un certo punto.
"Quindi quali sono i tuoi progetti per stasera?"
"Non so ancora."
"Perché non ceniamo e più tardi ci guardiamo un film."
"Ok per me." Dopo esserci messi d'accordo lui decise di andare prima che le cose potessero sfuggirci ancora di mano.
"Allora ci vediamo stasera. Dove ci incontriamo?"
"Perché non ci vediamo in via...., verso le 7."
"Ok, mi va bene."
"Ci vediamo là." Mentre mi avviavo alla porta, lui mi sorprese. Prima di aprirla si chinò verso di me, mi avvolse con le sue braccia e mi baciò. Non appassionatamente come il precedente e troppo breve, ma era un bacio iniziato da lui e mi riempì di speranza per la sera.
I suoi occhi brillavano allegramente mentre usciva dall'appartamento.
Chiusi la porta e gettai uno sguardo all'orologio: Dannazione, era solo l'una, dovevo aspettare ancora 6 ore. Ma dovevo pensare che ne valeva la pena.
  • Viste: 485
  • Aggiunto il : 2016-01-16 05:49:45

Recensioni

Bu Hikayeye Henüz Yorum Yazýlmamýþ
Neden ilk yorumu siz yapmýyorsunuz ?


Mappa Racconti Sesso
RSS Racconti Erotici Racconti Pornos Racconti Cazzo - Racconti Sesso