Commenti recenti

Prime Esperienze Con Il Cugino
anche io ho un cugino di pari età e quando avevam
-----------------------------------------------------
L'uomo tedesco combatte insieme madre e madre
a me è successo quando avevo 20 anni mentre stavo
-----------------------------------------------------
come si diventa cuckold
bravi e unesperienza stupenda e goduriosa vedere l
-----------------------------------------------------
Regalo di compleanno speciale
e fantastico.....fare sesso con la moglie e lamich
-----------------------------------------------------
Io e la mamma di Luca
ottimo
-----------------------------------------------------
Maestro sesso video francese College Girl
bello
-----------------------------------------------------
Hellen ed i miei sogni
bel racconto le bionde sono sempre le migliori e m
-----------------------------------------------------
Si mette una mano sulla fica di San Valentino
si
-----------------------------------------------------
Si mette una mano sulla fica di San Valentino
si
-----------------------------------------------------
Con la mamma
molto coinvolgente
-----------------------------------------------------

Etichette

clitoride grande video amatoriali film porno marocchine gratis porn barbara dorso iu porno gratis bocchini amatoriali hot italiani bei raga gay video e racconti gratis trio bsx giovane video erotici popolari di donne mature giapponesi con figa pelosa porno donne ciccione pornostimolazione porno mamme mature amatoriali reali in casa gratis nait club porno porno barbbara durso gratis Video Privati Di Momenti Intimi Italiani Con Mia Moglie tuttofiga hot gratis mature e tettone dowload video gratis porno film di debora capriogli mega sessso lesbiche amatoriali gratis fighe rasate sborrate videopornosegretariaocchiali video porno di nikita Racconti Fradicia Lingua Culo Sborra lisa ann scopa ragazzo Yuoporno biondo fighe che strusciano prendiporno pompino spy video cratis cazzi sborrano matore pieno video donneputtane porno italiano lezione di sega pompini madri con vomito depilazione del cazzo gratis foto 18 anni porno sex film porno gratis renata rey succhia il cazzo di un cavallo lei gli mette un dito nel culo porno lesbo nero anale con cazzo sporco di merda Porno vidio da scaricare porno con frutta cazzo in culo videoporno ryssia gratis minoreni video lesbo matute video sexi porno di mama gradis xxx animale free video lesbo giovani anziane video porno-Veronica Rodriguez italiana sega video amatoriale gratuito ten porno nonne super maiale porno mamme scopata violenta nella figa donne che scopano uomini super dotati porno gay hard free amatori porno auto msturbazione Video sborrate anni 80 con marina lotar porno con bel culo moglie in sharing porni amatoriali germania video porno eddai continua e voglio il tuo sperma dentro Amatoriali youporn Nonne Montagne Porno ww.video porno gratis porncazzo YouTube donne con capezzoli grossi porno siti 3gp prova fidanzato cornuto facebook porno sonia grey mega sesso nel treno pornorapine video ingoia tanto sperma fino al vomito video porno gratis maestra scopa l'alunno succhiale palle videi porno di suocere red tube porno italiano ama porno .com video porno mamma a video porno ragazze easta nylon lesbiche film porno martina gold mia moglie con dildo con porno latina succhia un cazzo nero e uno bianco porno dodicianni video 18 anni scopata a scuola filmini porno brandi in italiano nonna porno video gratis mature mature mature italiane film porno gratis amatoriali giapponesi video hard governanti troiette film porn gratis 3g porno italiano eccitante porno mama gratis video porni di tette giganti figa napoletana in porno i migliori fim porno italini gratis foto bianco e nero con lesbo videohotitalianigratis

Strumenti

Gratis Porno Filmati - Storie Di Sesso

Il ritorno

Uscire da un istututo non sempre è una garanzia di
Io figlia di un Pilota americano di stanza a Vicenza e di una madre docente di storia romana, ero stata inviata a studiare presso un istituto svizzero, in pratica diventavamo donne perfette, multilingue, forbite, padrone del Etichetta, cavallerizze, tenniste, ma senza alcuna cultura di come il mondo fosse realmente.
Era finalmente finito il periodo da caserma, io e Martina figlia di un collega di mio padre, nota in istituto come Sergente Shultz vista la sua graniticità, avremmo intrapreso il ritorno verso casa, ma per quella ultima volta saremmo rientrate con un tragitto più lento turistico, fermandoci in ostelli e rifugi, così per riprenderci il gusto della vita vera.
Di sicuro non era il caso di affrontare il Trekking previsto vestite da educande, quindi subito li a Losanna ci fermammo in un negozio sportivo a comperare qualche indumento diverso da quella assurda divisa, e dopo aver affrontato gli acquisti cestinammo subito le divise.
Al primo ritrovo per giovani facemmo conoscenza con tre ragazzi che percorrevano la stessa strada più o meno. dato la nostra educazione all'inizio eravamo tutti un pochettino ingessati, noi con quel che di giovani già invecchiate, e loro tutt'altro che brillanti.
Ripartimmo comunque al mattino successivo, faceva già caldo, quindi canottierone mimetico dagli ampi spacchi sui fianchi pantaloncino sportivo sandali da scalata e via per il sentiero posso assicurarvi che il sole a picco nel bosco e l'umidità sono tutt'altro che rinfrescanti quindi i ragazzi di fronte a noi si tolsero le magliette e proseguirono con solo i pantaloncini, Woww si videro i muscoli guizzanti del torso le spalle ben formate e i polpacci tonici.
Passarono dieci minuti e per riprendere fiato Martina ed io ci fermammo un minuto mentre loro i ragazzi scomparvero inghiottiti dal fitto sottobosco. mi tolsi quei pantaloni soffocanti, insomma ero abituata a morbide gonne, e riprendemmo la strada, Il Sergente Shultz mi fece notare che la canotta, mentre camminavo, saliva ad ogni passo ed evidenziava le mutande, per minciso non lo notò solo lei ma anche i nostri accompagnatori, che ci avevano aspettato, lo capii da i loro sguardi e i sorrisi maliziosi.
Un brivido caldo mi attraversò il corpo, maschi che mi osservavano, la pancia mi tremolava.
Dovete sapere che tra l'altro quella che le altre conoscevano come sergente incorruttibile io la conoscevo molto bene, era tutt'altro che asessuata anzi dentro la corazza c'era una bomba; ma riprendiamo, mi fece notare, semmai ce ne fosse la necessità, che avevo fatto colpo, qui ancora oggi mi chiedo cosa s**tta nella testa di due adolescenti libere dal guinzaglio, con gli ormoni ribollenti.
Quindi ripresa la strada e riposti i modi da contessa L'amica di sempre cominciò a pungolarmi :
" perché ti ostini a tenere le mutande tanto per quel che servono";
" Mi spieghi come fai a chiamare mutande il filo interdentale";
" e poi son fanno pandan con la maglia".
Io rispondevo da par mio, mi stavo divertendo e forse speravo che i ragazzi mi sentissero finché:
"Hai proprio ragione adesso le tolgo" feci il gesto,infila le dita nello slip ma mi fermai, lei la dama del casato nobile mi guardò con quell'aria di incredulità e sfida, e con i l gesto della mano come dire, allontanati poveraccia"
Ad ogni passo mentre la canottiera saliva e io ogni dieci la riabbassavo lei continuava:
"Avanti regina delle troie fammi vedere, madame culo ribollente ci vuole deliziare dello spettacolo, allora vogliamo mettere in mostra la mercanzia,prima si espone prima si vende.
a quel punto le tolsi realmente, riabbassai la canottiera e mi portai in testa al gruppo.
Ad un primo momento i ragazzi non avevano notato nulla i ragazzi, ma ben presto la canottiera lasciò il mio culo scoperto per tre quarti, forse copriva di più lo zaino.
Sentii prima leggera paura poi eccitazione e infine benessere, e mentre proseguivo qualcosa di tiepido mi colò lungo la gamba, adoravo quella sensazione, seminiuda e ammirata.
Ero talmente rilassata che non feci nemmeno caso che dalla parte opposta del sentiero stava arrivando un gruppetto di tedeschi, donne e uomini, probabilmente sulla cinquantina, non abbassai anzi salutai con sicurezza, successivamente seppi da Martina che una delle donne del gruppo fece il segno di OK con i pollici ai ragazzi imbarazzatissimi.
Ai commenti salaci dell'amica risposi voltandomi facendo la linguaccia e il " gne gne gne" dei bambini, e in oltre quel incontro mi aveva fatto appuntire i capezzoli.
Fortuna o sfortuna all'epoca non c'erano i cellulari in grado di fotografare.
tutto qua direte, abbiate pazienza.
Ecco arrivare la prima salita vera una ventina di metri ripidissimi in mezzo alle rocce, niente di serio, solo un pochino di arrampicata su quei gradoni.
Alle mie spalle i ragazzi, usciti leggermente dall'ingessatura fecero gli spiritosi: "Chi fa il capo cordata".
Martina partì di slancio :"Io però mi metto libera, fu la sua lapidaria frase, tolse camicia e gonna rimanendo in reggiseno e mutande sportive.
I ragazzi non parlavano più la guardavano con la lingua a penzoloni, la brava ragazza la marchesa del bon ton era anche una donna oltre che un sergente di ferro, lei tagliente e rapida come una vipera, uscì dal personaggio Di Cuore di De Amicis con un:
"E che cazzo solo voi maschi avete il diritto di viaggiare con le tette al vento, e solo questa deve essere la star qui senza mutande".
Mise tutto nello zainetto e partì per la scalatina. Arrivata in cima eccola buttare a terra lo zainetto alzare il reggiseno e sbattere le tette, urlando: "prima ioooooo".
I ragazzi erano assolutamente impressionati, avevano abbordato due studentesse o due pazze. dovetti intervenire, quella su rideva, questi qui sembravano dei nani da giardino con lo sguardo da beota:
"Su dai chiudete la bocca sono solo tette".
Ebbi la quasi certezza che da vicino ne avessero viste poche:
"Hei ragazzi sono come queste" tolsi alzai canotta e reggiseno e le feci oscillare,poi partii sempre senza mutande.
Sentivo che mi stavano guardando salire la loro prospettiva era sicuramente favorevole, e io non facevo nulla per evitare gli sguardi, arrivata in alto abbracciai l'amica e urlai ai tre di salire, visto che erano rimasti imbambolati con il naso in su.
Arrivati in cima tutti li vedemmo sudati e indecisi, sia io che Sergente Shultz, li spronammo:
"Bisogna andare ragazzi si fa sera", e ormai che c'eravamo "Su da bravi baciate una tetta e andiamo". Erano davvero carini così impreparati, me le toccarono e baciarono con una delicatezza infinita, così come fecero con Martina.
I nostri accompagnatori si presero anche i nostri zaini, proseguendo verso il la piccola malga che ci avrebbe ospitato io e il sergente, ridevamo come due oche camminavamo incrociando le gambe e saltellando, girando di tanto in tanto su noi stesse, ormai gli ormoni ci stavano offuscando, tanto che non trovai di meglio che sfilarmi tutto e rimanere con le sole scarpe e sventolare la canotta, poi un attimo di lucidità ci fece ragionare, eravamo senza profilattici, ma con il corpo che ci ribolliva, una pulsazione continua tra il basso ventre e il seno, nude in mezzo alla natura e con tre maschi veri non dei surrogati.
Era ormai le tre del pomeriggio e raggiungemmo il rifugio, i ragazzi erano un tantino impacciati, forse la nostra aggressività li aveva spiazzati, e non avevano il coraggio di chiedere ma il rigonfiamento sotto i pantaloncini era evidente, erano seduti sul piccolo balconcino, con le gambe a penzoloni, all'interni martina si denudò completamente, guardo fuori lontano e mi disse siamo soli, usci si portò davanti ai ragazzi, erano all'altezza giusta e uno ad uno gli estrasse l'uccello e piano comincio prima a leccargli la cappella e poi far sparire tutto nella sua bocca, era impressionante vederla ingoiare completamente 20 centimetri, ma lei era imperturbabile in quel movimento.
Ero inesperta lo giuro ma lei il sergente mi spronò: "e allora tu cominci e poi devo lavorare solo io lo saprai ben fare un pompino" mai fatto purtroppo quindi con timore prima la lingua, sentii un sapore che non conoscevo ma che mi piaceva poi iniziai a far scorrere le labbra, mi accarezzavo il clitoride, ero impegnatissima quando sentii dei baci sulle natiche, allargai leggermente e sentii una lingua calda entrare sempre più profondamente, poi un dito nello sfintere, mi irrigidii ma subito iniziai a rilassarmi, in fondo la in quel collegio era uno dei giochini che mi piaceva.
dopo dieci minuti di quel trattamento sentii le gambe vacillare e tremare, e venni per la prima volta con un maschio vero e non con un surrogato, accelerai il ritmo del pompino che stavo facendo, un fiotto caldo mi investì la bocca, era strano mi spostai sputai e guardai Martina li di fianco a me, mentre il suo maschio veniva ululando la vidi ingoiare completamente il cazzo, rimase in apnea almeno venti secondi facendolo uscire dalla sua bocca mentre già si rilassava, mi guardò e sorrise.
Io ero ancora appoggiata al ragazzo seduto quando sentii che dietro di me il terzo iniziò a infilarmelo, Mi ricordai che non avevamo profilattici ma ero eccitatissima entrò delicatissimo, poi ragionai, e gli dissi "No li no" mi guardò deluso, ma immediatamente lo rassicurai gli presi letra le mani il volto lo baciai dissi "Claudio" questo era il suo nome:
"Claudio inculami".
A quella frase lapidaria piano piano me lo infilò mi afferro le tette e iniziai a godere, quello a cui ero appoggiata si rieccitò e ripresi il mio lavoro, fu mezz'ora di intenso piacere, Martina mi incitava, mentre anche lei veniva inculata e ripeteva:"sii dai spingiiiii .... rompimi il culo ancora vaii". La vidi venire e gemendo di un piacere immenso
Alla faccia dell'educazione teutonica e del lessico forbito.
  • Viste: 294
  • Aggiunto il : 2016-01-16 05:50:23

Recensioni

Bu Hikayeye Henüz Yorum Yazýlmamýþ
Neden ilk yorumu siz yapmýyorsunuz ?


Mappa Racconti Sesso
RSS Racconti Erotici Racconti Pornos Racconti Cazzo - Racconti Sesso