Commenti recenti

Addestramento di una moglie su richiesta del marit
hello my family member i want to say that this art
-----------------------------------------------------
Addestramento di una moglie su richiesta del marit
wow this could be one particular of the most usefu
-----------------------------------------------------
Schiave del mio cazzo
voglioscopare
-----------------------------------------------------
Prime Esperienze Con Il Cugino
anche io ho un cugino di pari età e quando avevam
-----------------------------------------------------
L'uomo tedesco combatte insieme madre e madre
a me è successo quando avevo 20 anni mentre stavo
-----------------------------------------------------
come si diventa cuckold
bravi e unesperienza stupenda e goduriosa vedere l
-----------------------------------------------------
Regalo di compleanno speciale
e fantastico.....fare sesso con la moglie e lamich
-----------------------------------------------------
Io e la mamma di Luca
ottimo
-----------------------------------------------------
Maestro sesso video francese College Girl
bello
-----------------------------------------------------
Hellen ed i miei sogni
bel racconto le bionde sono sempre le migliori e m
-----------------------------------------------------

Etichette

amatoriali Francia porno gratis russe che scopano video gratis uomini cazzoo porno.nait.club megasesso belen rodriguez pompinara Videopor video ragazze prima volta sborrate film porno gratis massaggi porno bulgare video amatoriale porno gratis italiani persone adulte video megasesso porche dal massaggiatore gratis porno tu ita porno lesbo diamand porno tutto losperma dentro Zitella Vergine Scopata matura russa porno matura stuprata porno amica kporno jou porno donne mature porno piu belli a mondo video madre e figlia fanno sesso insieme porno amatoriale italiano che sborrano dentro festa della donna con negri porno Porno mamna mamme pelose seso video porno reali giapponesi selena gomez video scopata mamma italiana che scopa il figlio in bagno infermiera calda gratis scopate in dialoghi italiano video pono gratis ragazzi ghej porno attacco lesbico italiane lesbiche inesperienze video porno donne che si fa doccia fanno pompini il ginecologo nero porno Porno Frat Napoletani film porno violento mia madre italiano amatoriale italiano orgia film porno emma marrone video porno gratis dialoghi italiani anale 18anni video porno gratis italiano porno tra frateli 18 anni masimo foto di uomini italiani super dotati nudi video porno girls cazzi neri valentina tube giovanssimi trans porno foto uomini nudi grati mature molto calde che si fanno scopare da giovani free porno coni cavalli videobabesporno porno video amatorialietelecamera nascosta tettone sex jessica rizzo film hard gratuiti uomini maturi bisex italiani unzikerporno porno donne over 50 enni video di donne mature pelose Sesso Sono Andata A Trovare Mia Zia Lesbica Che Mi Ha Leccato E Mio Cugino Ha Messo Dentro Il Cazzo Racconti film ard gratis mamma figlia italiani xxxmature gratis italiano pornt hentay pompino di Pamela impazzisce x la sborra in bocca.prendiporno milf mature porn video porno di moglie che leccano palle e culi foto di figa amatoriali gratis mamme e figlie pompinare madre sesso figlio italiano fotocazzigrossi pornogratis mogli video porno hidden cam cameriera hardpormo settantenne porno fim cratis nonne anziane si mesturbano Prendiporno Pornoitalianamature tin porno italia SCHIZZI TRANS sex giovani video gratis nonne tettone anziane il mio culo aperto mamma scopa il genero il giorno delle nozze video gratis di trans che scopano in italiano donnebelle video seso orge in famiglia amatoriali porno gratis migliori film porno in italiano di salieri tette grosse porno scopata italiana con il mio migliore amico porno anale delle piccole teen videopornomamma mamma porno con ragazzo video porno gratis con ieaculazione femminile film madre figlio porn fidanzato cornuto facebook fuched italiani marito e moglie fighe nude xxx ita video porno italia scoperti Video porno italiani nonne anziane vecchie porno brasil sborrate

Strumenti

Gratis Porno Filmati - Storie Di Sesso

L'enorme attrezzo di mio figlio

Mi accorsi che mio figlio Nicola era diverso dagli altri ragazzi una mattina d'estate di qualche anno fa.



Aveva da poco compiuto diciotto anni e da buona madre gli stavo preparando la colazione, prima che uscisse per andare con gli amici in spiaggia.

Venne in cucina e mi diede il buongiorno con un bacio sulla guancia, quindi si sedette a tavola per mangiare i suoi corn flakes.

Ma notai che c'era qualcosa di strano.

Teneva la sua mano sinistra continuamente poggiata in grembo, mentre con l'altra afferrava con forza il cucchiaio. Lo stringeva forte, come se pesasse un chilo e non pochi grammi.



Feci finta di non notare nulla di strano e mi sedetti a fianco a lui.

Continuavo a fissare la sua mano sinistra e mi accorsi che era poggiata sulla patta dei suoi pantaloni, come a voler nascondere qualcosa. Ed allora ebbi un'illuminazione. Era successo anche a lui. Anche il mio piccolo Nicola, il mio angioletto, era diventato un uomo. Aveva avuto il suo primo rapporto sessuale.



Non sapevo come parlarne con lui, ma all'improvviso la sua voce mi distolse dai pensieri.



(Cerco di annotare in questo diario il nostro dialogo. Le parole non sono esattamente le stesse, ma il senso del discorso sì.)



-Mamma-disse-mi devo confidare con qualcuno, e da quando papà è andato via tu sei l'unica persona di famiglia con cui posso parlare di certe cose.



-Dimmi tutto, Nicola. Lo sai che tra noi non ci devono essere segreti.



-Ieri ho incontrato una ragazza, molto carina. Ha diciotto anni ma è piccolina, molto più di me.



-Cosa è successo?



-Beh, avevamo bevuto tutti e due e lei mi si è avvicinata e mi ha sussurrato una cosa all'orecchio.



-E cosa ti ha detto?

-Mi ha detto che ero molto carino e soprattutto che nascondevo bene i miei segreti.



-Quali segreti?-feci io



Allora Nicola mi guardò negli occhi con durezza e poi disse:

-Vuoi farmi credere che in tutto questo tempo non ti sei accorta di cosa aveva tuo figlio in mezzo alle gambe?



Lo guardai stranita. Non aveva mai avuto un atteggiamento così duro nei miei confronti, ma soprattutto non aveva mai fatto riferimento ai suoi organi genitali nei nostri discorsi. Nemmeno quando gli parlavo delle precauzioni che un ragazzo ed una ragazza devono prendere al giorno d'oggi quando fanno sesso.



Lui riprese

-Perchè non mi hai mai detto che avrei fatto scappare le ragazze? Perchè non mi hai mai avvisato che non tutte le donne sono uguali? Che non a tutte piace quel tipo di uomo?



-Ma di che diavolo stai parlando?-sbottai.

-Non sto capendo nulla di quello che dici. Cos'hai che non va?



Nicola si alzò di s**tto dalla tavola e gettò il cucchiao che ancora stringeva verso il muro.

Poi con uno s**tto improvviso si abbassò i pantaloni e restò in boxer di fronte a me. Lo guardai in faccia sorpresa, ma poi lo sguardo mi cadde sul suo inguine, ed allora tutto mi fu chiaro.

Nonostante i boxer fossero larghi non riuscivano minimamente a nascondere l'evidenza.



Nicola, come suo padre, era un superdotato.



-Se ancora non l'hai capito te lo dico io-mi urlò in faccia.



-Tuo figlio ha un cazzo come quello di un cavallo!

E detta l'ultima parola si tirò giù i boxer.



Ero sconvolta. Mi sentivo il viso in fiamme. Volevo scomparire, ma allo stesso tempo non riuscivo a togliere gli occhi dall'uccello di mio figlio.

Era magnifico. Grosso, immenso. E anche le sue palle erano mostruose. Grosse come palle da ping pong. E Nicola aveva solo diciotto anni.



Il mio ex-marito era un superdotato, ma Nicola nonostante la giovane età, ce l'aveva ancora più grosso. E anche più massiccio. Una cosa sconvolgente.



-Mamma-riprese-dove credi che possa metterlo questo? In culo ad una vacca?

Balbettai qualcosa, ma lui riprese con foga.

-La ragazza di cui ti parlavo, appena mi ha visto nudo è scappata via. Mi ha detto che non dovevo nemmeno sfiorarla con quel coso. Altrimenti l'avrei ammazzata.



Non so perchè, ma quelle parole furono come uno schiaffo in faccia per me.

Senza dire nulla mi alzai e feci un passo verso di lui. Si tirò indietro, ma io continuavo a camminare nella sua direzione.

Era da troppo che non vedevo un pene. E uno di quelle dimensioni non lo avevo mai visto.



Afferrai l'uccello di Nicola con tutte e due le mani e dissi:-Non hai idea di come mi senta io adesso. Il mio cervello sta andando in tilt e dovrò combattere con il senso di colpa per tutta la vita, ma il tuo uccello non andrà in culo ad una vacca, ma in bocca a tua madre.



Detto questo mi inginocchiai davanti a lui e chiusi gli occhi, avvicinando pianissimo le mie labbra alla sua cappella.

La bellezza di certi momenti è nell'attesa che essi avvengano, più che nella loro realizzazione.



Con la lingua iniziai ad inumidirgli la cappella, preparandolo per il suo primo pompino.

Ma quando cercai di prenderlo in bocca, mi accorsi di quanto grosso fosse in realtà. Non riuscivo nemmeno a circondargli la cappella con la bocca. Solo la parte superiore era coperta dalla mi bocca vogliosa, eppure già me lo sentivo in gola. non riuscivo a credere che per lui avere un cazzo da cavallo non fosse solo un modo di dire. Rinunciai.



Mi misi in piedi e lo guardai. Nicola era rosso in viso e sudato, ma già le sue mani erano sotto la mia gonna che si bagnavano nel caldo della mi figa.

Mi fece girare e mi spinse sul divano. Mi alzò il lembo posteriore della gonna e tirò giù le mutandine con una tale foga che credevo volesse impalarmi all'istante. Sentii una pressione sul mio sesso che non aveva nulla di umano. Era come se un tir cercasse di parcheggiare in un posto riservato ai motorini. Fu allora che comiciai ad urlare.



Nicola si tirò indietro. Poverino, l'inesperienza giocava a suo sfavore.

Mi voltai e gli dissi dolcemente:-Non ti preoccupare, la figa non è come la bocca. Devo solo abituarla ad accogliere un cazzo enorme come il tuo. Ci vorrà un po', ma alla fine riuscirai ad infilarmelo dentro. E allora potrai anche sfondarmi il culo! Credevo che tuo padre fosse uno stallone, ma se lui ti vedesse ora scoppierebbe in lacrime per l'invidia e l'imbarazzo.



Non credevo alle mie orecchie. Dalla mia bocca non uscivano le parole di una mamma, ma quelle di una puttana. Una troia, ecco cos'ero. Una troia che vuole accolgiere in grembo l'uccello di suo figlio.



La mia figa era una fontana. Stavo sbrodolando dappertutto. Diedi un'ultima occhiata al cazzo di Nicola e poi guardai negli occhio mi figlio e gli dissi:-Non importa cosa può succedere stasera, ma voglio che tu spinga con tutto te stesso. Non mi frega niente. Voglio morire di dolore, ma alla fine devi riempirmi di sperma. Deve uscirmi dalle orecchie!



A quel punto Nicola mi afferrò per le braccia, mi fece girare su me stessa e mi buttò nuovamente sul divano. Ero a pecorina e sentivo mio figlio ansimarmi nelle orecchie. Poi si avvicinò ulteriormente e disse:-Non so nemmeno io cosa sto facendo, ma non riesco a fermarmi.



Detto questo sentii una forza sovrumana che spingeva per entrare nella mia figa. Mi ancorai al bracciolo del divano e comiciai a stringere le mani e ad urlare.



-Non ti fermare, stallone mio, non ti fermare!!!



Ad un certo punto il dolore si fece insopportabile, ma il piacere era ancora superiore. Era come se mi stesse mettendo un pugno nella figa, invece era solo la sua cappella.

Tirava indietro il suo uccello e poi lo rispingeva in avanti un po' di più. Sempre un po'di più. Sempre più grosso, sempre più duro, sempre più uomo!



Ormai urlavo come una posseduta, ma più il dolore aumentava, più il piacere lo copriva.



E alla fine un'ondata caldissima mi inondò. Il suo sperma mi riempì la vagina, e poi fluì all'esterno. Era come se un innaffiatio si fosse azionato per annaffiarmi la figa e non voleva saperne di spegnersi.



Urlai un'ultima volta con tutto il fiato che mi era rimasto e poi svenni.



Mi risvegliai a letto, immobile, con mio figlio che mi teneva la mano e mi diceva:-Non lo dimenticherò mai. Grazie.



Riprendermi da quella scopata fu dura. Restai a letto per tre giorni, e quando provai a camminare di nuovo svenni ancora per il dolore.

Nicola mi era sempre vicino ed ogni volta che lo chiedevo alzava le coperte e dolcemente mi soffiava sulla figa.



Quando poi, dopo una settimana, riuscivo a camminare di nuovo, Nicola entrò in camera mia di sera e guardandomi in faccia e sorridendo disse:-Sono tuo figlio e non dovrei rivolgermi a te in questo modo, ma stasera avrei tantissima voglia di romperti il culo!



Mi feci il segno della croce e in un secondo mi tirai giù le mutande.
  • Viste: 867
  • Aggiunto il : 2016-01-16 05:47:44

Recensioni

Bu Hikayeye Henüz Yorum Yazýlmamýþ
Neden ilk yorumu siz yapmýyorsunuz ?


Mappa Racconti Sesso
RSS Racconti Erotici Racconti Pornos Racconti Cazzo - Racconti Sesso