Commenti recenti

Porno donna siriana
fabio42 sexy ragazzo notte foga voglio sesso grupp
-----------------------------------------------------
Addestramento di una moglie su richiesta del marit
hello my family member i want to say that this art
-----------------------------------------------------
Addestramento di una moglie su richiesta del marit
wow this could be one particular of the most usefu
-----------------------------------------------------
Schiave del mio cazzo
voglioscopare
-----------------------------------------------------
Prime Esperienze Con Il Cugino
anche io ho un cugino di pari età e quando avevam
-----------------------------------------------------
L'uomo tedesco combatte insieme madre e madre
a me è successo quando avevo 20 anni mentre stavo
-----------------------------------------------------
come si diventa cuckold
bravi e unesperienza stupenda e goduriosa vedere l
-----------------------------------------------------
Regalo di compleanno speciale
e fantastico.....fare sesso con la moglie e lamich
-----------------------------------------------------
Io e la mamma di Luca
ottimo
-----------------------------------------------------
Maestro sesso video francese College Girl
bello
-----------------------------------------------------

Etichette

big tits infermiera massaggi al pene video italiani video erotici italiani la dottoressa nonne che scopano con nipoti video voglio vedere un video pornol video porno nonne over 65 che scopano con nipoti zoosex itaglia tori black neri x mamma porno mogli naturali scopate pompino gratis ava addams milf e ragazzo amatoriale video porno italiano maestre porno due donne e un trans le.tette.nonna film porno con donne italiane foto oirno porno hd download gratis donne Quarantenne che chiavano porno imaggini sex gratis mature video sesso indiana cazzienormipornogratis pornononne anali youtube porno gratis di trans video gratis di 25 cazzi per pompini i migliri video porno gratis pompini e sborrate video porno sesso in accademia militare video porno 3g nonnne gratis Yaoi porno italiano scopa la vicina anale moglie con marito film nonne puttane sborrate sulle labbra sesso gratis cazzi lunghissimi ragazzo latino porno donne scopate con gli occhiali mature ponpini a scuola video gratis vidio porno polizia porn video nere con serpenti cazzo enorme and teens donne vecchie sexi gratis video porno gratis paige porno nuora si fa leccare la figa dalla suocera sixx video janvar sarda porno italia amatoriale mobile porno porno video solo donne porno mammelle massaggio linfatico legale porn.com silvia video sesso amatoriale video mariti e mogli puttane italiano porn costretta per non raccontare video porno formose gratis porno gratis donne nude trans che si fanno pompini voglioporno lesbche mature con grande fica nudo padre figlia video porno la prima scopata con mamma porno scopata con la sposa donne porche 18 anni vergini solo scopate con bellissime ragazze bionde dai capelli lunghissimi porno moglie italiana vuole provare Cazzi enormi girlfriend porno italia porno mame italiane spia amatur video gay cazzo duro public film porno gratis barbara d'urso principesse anime lesbiche porn tettone maialone video porno mature con trans sborra in culo teen nonne spompinate i vidio porno cazzi di 35 cintimetri sesso xxx nei bagni della scuola anziane donne film sesso barca video gratuito di mamme che fanno sesso video porno lesbo sforbiciata casalinca matura porn porno flashing porno su futurama ciciolina inculata bruttalle porno gratis video lesbiche scuola video amatoriali cazzi piccoli video donne scopate gratis rachele video porno suocere vecchie e grasse con geneero video sex divertenti vietati ai minori giapponese italian video porno megha sesso gratis porno hd anale video gratis donne che masturbano cavalli bovino sessotimido ragazze grasse che si masturbano prendiporno yuporn film gratis italiani porno sexey youporno gratuiti jessica rizzo lesboitaliane foto porno coito anale porno trans 18 tenni unziker fa bocchini poliziotti porno gay

Strumenti

Gratis Porno Filmati - Storie Di Sesso

I ragazzi dei giornali

I profondi occhi marroni di Alberto guardarono fuori del finestrino dell'autobus, gli scuri capelli arruffati tra la sua testa ed il vetro macchiato. Era stata una lunga giornata e lo aspettava la consegna dei giornali.
"Voglio solo andare a casa", pensò.
Il rumore sull'autobus era incredibile, probabilmente perché stava avvicinandosi la fine di maggio e tutti erano pronti per l'estate. Il rumore era soppratutto nella parte anteriore dell'autobus ed Alberto era veramente felice di essere dell'ultimo anno e poter sedere in fondo.
Quando l'autobus rallentò per la sua fermata, si mise sulle spalle lo zaino e si incamminò verso la parte anteriore mentre l'autobus era ancora in moto. La porta si aprì cigolando e lui scese mentre il conducente lo sgridava.
L'autobus ripartì lentamente ed Alberto si incamminò verso la casa di Giorgio dove i giornali venivano portati in fasci per essere portati porta a porta. Giorgio abitava nella sua stessa via, aveva la sua stessa età ed ambedue avevano fatto domanda per quel lavoro di consegna. Erano stati presi e si erano divisi il quartiere.
Girò l'angolo del garage, in modo da non essere visto dalla strada, aprì lo zaino e ne tolse un paio di jeans ed una t-shirt. Si sbottonò la camicia bianca e la gettò a terra con dispetto. Prese la vecchia maglietta che era stata bianca quando era stata nuova, infilò le braccia nelle maniche e se la infilò dalla testa. Vedendo come l'aria fresca aveva fatto indurire i suoi delicati capezzoli marroni, mormorò sarcasticamente fra di sè: "Sì, sta proprio arrivando l'estate."
Calciò via i mocassini e, assicurandosi di non essere osservato, slacciò rapidamente la cintura e lasciò scivolare i pantaloni alle caviglie.
Nonostante fosse più scuro della maggior parte delle persone, non c'era traccia del sole dell'ultima estate. Nessuna linea di abbronzatura era visibile lungo le gambe lisce che avevano solo pochi peli dorati e corti, o sulle cosce morbide che scomparivano nella mutande bianche nascoste in parte dalla parte inferiore della t-shirt. Per questo si era cambiato prima la camicia; la camicia non copriva abbastanza le sue regioni.
Quando si chinò per mettere una gamba nei jeans, mettendo in mostra inavvertitamente il piccolo culo sodo coperto solamente dalle sottili mutande, una voce lo spaventò.
"Che bello spettacolo di strip!"
Era Giorgio che si era avvicinato silenziosamente. Alberto si infilò negli stretti jeans il più rapidamente possibile, li abbottonò, e si girò verso il suo amico.
Giorgio era più alto di Alberto di dieci centimetri buoni, ma in parte a causa dello sport che praticava, aveva una figura più sottile con meno curve arrotondate e più angoli acuti. I capelli erano biondo paglia; sotto, i brillanti occhi blu splendevano e le sue labbra, piene e rosse in contrasto con la sua pelle pallida, erano piegate in un sorriso.
"Non è colpa mia se devo portare quei vestiti di merda" Disse Alberto arrossendo come se fosse stato visto nudo.
"Potresti cambiare scuola", suggerì Giorgio.
"No, non posso. I miei genitori non me lo permettono." Quello era solo in parte vero.
I due ragazzi cominciarono a camminare verso la parte anteriore della casa e Giorgio diede ad Alberto una borsa di tela spiegazza e macchiata di nero dalla carta di giornale per l'uso precedente.
"Ecco la tua borsa." Poi fece una pausa. "Perché ti fanno andare alla Santa Famiglia?"
"Non lo so. Credo che loro mi odino."
Giorgio rise, divertito dalla tristezza di Alberto.
"Davvero", disse Alberto, "loro pensano che abbia un'influenza positiva su di me."
Giorgio ci pensò su mentre usava un coltello per tagliare la plastica che imballava i giornali.
"Allora", disse mentre lottava contro un pezzo particolarmente difficile, "quando è stata l'ultima volta che hai fatto qualche cosa di cattivo?" La plastica fece un rumore di schiocco mentre cedeva.
"Cosa intendi? " Chiese Alberto prendendo una manciata di giornali e mettendoli nella borsa, facendo attenzione di non sciuparli.
"Quando è stata l'ultima volta che hai fatto qualche cosa che hai pensato che non avresti dovuto fare?"
Alberto pensò a quando si era masturbato la notte prima o per quanto l'aveva fatto da quando aveva scoperto la pratica.
Stava leggendo un libro che ne parlava e la volta successiva, quando era stato solo in casa, si era tolto tutti i vestiti e si era sdraiato nudo sul suo letto. Aveva provato a prendere l'asta del suo pene tra pollice ed indice, facendo scivolare la pelle su e giù sulla testa. Gli era piaciuto ma quando, meno di un minuto più tardi aveva sentito un flusso intenso di piacere salire dall'interno delle sue cosce verso tutto il suo corpo, sentendo un formicolio dalla testa alle dita dei piede, aveva capito che aveva trovato quello che stava cercando. Da allora si era masturbato quasi quotidianamente, anche se era stato molto discreto.
Arrossì furiosamente a quel pensiero, ma vide che la faccia di Giorgio era seria.
"Il fine settimana scorso io dormito da un amico e siamo restati alzati sino alle tre a guardare un porno."
Giorgio alzò le sopracciglia.
"Ma si trattava di un film poliziesco e c'erano solo un paio di scene spinte." A dire il vero quelle scene l'avevano eccitato al massimo, ma non lo disse all'amico.
"Non hai visto un vero porno, vero." Non era una domanda.
"No", disse Alberto mestamente.
Giorgio finì di riempire la sua cartella e si alzò.
"Comunque la vera roba non è alla TV", disse autorevolmente.
"Tu hai la vera roba?" Chiese Alberto speranzoso.
Questa volta fu il turno di Giorgio ad essere impacciato.
"No, ne ho solo visto uno che aveva mio fratello, l'aveva preso all'università. Ma ho un paio di belle riviste." E gli ritornò il sorriso.
"Posso vederle?" Alberto non aveva mai visto una vera rivista porno anche se lo desiderava molto.
"Sicuro, non appena avremo finito con questi dannati giornali."
Alberto sorrise apertamente.
"Bene, a dopo." E si diresse frettolosamente verso la prima casa del giro. Giorgio andò nell'altra direzione, nella sua metà di quartiere.

Alberto consegnò i giornali e mentre andava di porta in porta, immaginava quello che probabilmente avrebbe visto nelle riviste dell'amico. Sarebbe andato a casa e, con quelle immagini in mente, sarebbe andato nella sua stanza fingendo di studiare e si sarebbe masturbato due o tre volte. No! Ancora meglio, avrebbe visto se poteva prendere in prestito una delle riviste di Giorgio. La cosa più simile ad una donna nuda che avesse visto era stato nei cataloghi di biancheria intima. Ma come avrebbe potuto portarlo in casa senza che suo madre lo notasse?
Si accorse che stava avendo un'erezione al pensiero.
Abbassando lo sguardo vide che le sue mutande non stavano facendo niente per fermare la protuberanza che si stava formando nei suoi jeans. Quando ebbe consegnato l'ultimo giornale che aveva nella borsa e si accinse a ritornare per prenderne altri, non sapeva di cosa preoccuparsi di più: che l'erezione fosse evidente o che l'erezione fosse tanto piccola. Nascose la proturberanza con la borsa vuota mentre tornava a casa di Giorgio.
Quando arrivò vide che l'amico non aveva ancora preso la seconda parte dei suoi giornali; prese i suoi e li mise nella borsa. Era normale che l'altro non fosse arrivato, aveva un giro più lungo ma lui era ansioso di vedere le riviste, quindi si affrettò ad andare per finire il suo giro, ma questa volta stava covando altri pensieri, era gravemente infastidito dal fatto che il righello gli diceva che il suo cazzo era lungo solo 10 centimetri e poco grosso. Gli si formava un nodo di terrore nello stomaco ogni martedì e giovedì quando c'era l'ora di palestra ed i ragazzi si dovevano cambiare insieme nel bagno. Si assicurava sempre di avere una camicia lunga ogniqualvolta si toglieva i pantaloni in modo che nessuno potesse vedere quanto era piccola la protuberanza nelle sue mutande. Quella era la vera ragione per cui non chiedeva ai suoi genitori di cambiare scuola: nell'altra scuola facevano educazione fisica ogni giorno e facevano la doccia insieme.
Comunque Alberto era il ragazzo più figo della sua classe. Inoltre la sua personalità timida era incantevole ed era anche incredibilmente bello fisicamente. Le ciglia scure e lunghe incorniciavano gli occhi anche più scuri; la curva aggraziata del retro del collo; il modo in cui le guance gli si increspavano e gli occhi brillavano quando sorrideva; la sua risata argentina; l'agilità dei suoi movimenti che dimostravano una forza delicata; o il modo in cui un ciuffo indisciplinato gli precipitava sull'occhio sinistro.
Tutte di queste cose facevano innamorare le ragazze della sua classe, e c'erano anche alcuni ragazzi che avevano fantasie vaghe ed inspiegabili su di lui. Alberto, chiaramente, non aveva modo di esserne a conoscenza ed era piuttosto tetro quando finì il suo giro.
Ritornò a casa di Giorgio, vide che non c'erano più giornali e capì che Giorgio stava facendo il suo ultimo giro. Accaldato per il lavoro, si sedette sul marciapiede di cemento fresco, quanto era il desiderio di vedere quelle riviste sporche.

Giorgio non aveva l'insicurezza di Alberto, anche se, come tutti i ragazzi, aveva dubbi sulla sua dotazione. Lui pensava di masturbarsi dopo che Alberto se ne fosse andato, avrebbe preso il vasetto di vasellina nascosto nel cassetto dell'armadio, si sarebbe spogliato nudo, si sarebbe sdraiato sul letto e se la sarebbe spalmata sull'erezione palpitante.
Il pensiero del calore della mano intorno alla sua asta gli provocò un'erezione un po' più grossa di quella che stava avendo Alberto. Si ricordò anche della sua esperienza al campeggio dove era andato l'estate precedente.
Si stava facendo una sega quando il suo compagno di tenda era entrato. Giorgio era terrorizzato e si era scusato frettolosamente mentre tentava di rimettersi gli shorts. Invece di essere scioccato il compagno aveva subito suggerito di masturbarsi l'un l'altro. Nel suo stato di svantaggio, non c'era possibilità che Giorgio potesse rifiutare e dovette ammettere che era molto più divertente che non farlo da solo. Più tardi quella notte, mentre erano sdraiati nei loro sacchi a pelo a parlare di sesso, il compagno era salito sul letto di Giorgio. Lui indossava solo un paio di mutande ed il suo compagno niente. Dopo che l'amico gli ebbe brevemente carezzato la pelle liscia, Giorgio rapidamente si era tolto le mutande. Tuttavia invece di masturbarlo il suo compagno aveva abbassato la bocca sulla sua'erezione pulsante ed aveva mosso le labbra bagnate su e giù finché Giorgio non aveva eruttato l'orgasmo più esplosivo che avesse mai avuto.

Il ricordo lo eccitava ancora e più che masturbarsi sulle riviste, come stava per fare con Alberto, lo faceva pensando al suo compagno di tenda ed agli ultimi due giorni di campeggio.
Più ricordava il compagno e più pensava ad Alberto come lo aveva visto prima mentre si vestiva, alle sue cosce nude ed alle natiche strette nascoste sotto le mutande di cotone. Quando ebbe consegnato l'ultimo giornale e si avviò verso casa, capì che stava andando da Alberto per masturbarsi con lui.

Alberto stava aspettando da dieci minuti quando l'amic oarrivò, andò alla porta e l'aprì. Alberto si alzò e lo seguì nella casa scura.
"Tua mamma non è in casa?" Chiese già sapendo la risposta.
"No, lavora fino alle sei e trenta e non ritorna fino alle sette."
Lasciarono cadere le borse sul pavimento e si tolsero le scarpe. Giorgio chiuse la porta e mentre andavano in cucina, Alberto vide che l'orologio sulla stufa segnava le 5 e 47. Tutto era silenzio a parte il borbottio del frigorifero.
"Vuoi qualche cosa da bere?"
"No, sto bene così." A dire il vero aveva un po' di sete, ma era troppo ansioso di raggiungere la rivista di Giorgio, tanto da sentirsi il sangue ronzare nelle orecchie.
"Possiamo andare nella mia stanza se vuoi."
Precisamente quello che Alberto voleva sentire!
"È lì che tieni la roba?"
"Sì, seguimi."
Lo seguì in silenzio sulla scala. Giorgio aprì la prima porta sulla sinistra che era socchiusa. Alberto entrò chiudendola dietro di sé. Giorgio era sudato e si liberò della camicia lanciandola ai piedi del letto.
"Mi sembra che anche tu sia sudato; forza togliti la camicia."
"No, tutto ok. Sto bene."
"Dico sul serio. Se te la togli puoi appenderla a quella sedia e farla asciugare."
"Bene, ok." Alberto non si sentiva veramente a suo agio, ma pensò che se lo faceva Giorgio poteva farlo anche lui. Se la tolse con cura e la mise sulla sedia della scrivania di Giorgio.
"Siediti sul letto." Alberto si sedette esitante sull'orlo. Giorgio frugò sul fondo del cassetto del suo armadio e spinse da parte alcune paia di shorts. Là sotto le copertine lucenti di tre riviste splendevano. Vicino a loro era visibile il coperchio blu di un vasetto di vasellina. Giorgio estrasse i vestiti e li mise sul pavimento dietro di sé. Mentre Alberto guardava la schiena piegata dell'amico e l'inizio del sedere che mostrava dove il nastro elastico delle sue mutande si era abbassato, Giorgio finse di avere delle difficoltà e prese il vasetto di vasellina che mise di fianco a sé, fingendo di nasconderlo, ma sapendo che Alberto poteva vederlo.
Lui immediatamente pensò a Giorgio che si masturbava ed il pensiero glielo fece diventare duro. Poiché era seduto non era veramente visibile e si ricordò perché non aveva voluto togliersi la camicia.

Anche Giorgio stava cominciando ad eccitarsi, prese le riviste, le portò vicino al letto e appoggiò "per caso" il vasetto di vasellina sul pavimento. Si sedette vicino all'amico sull'orlo del letto che, sotto il suo peso, si inarcò e le loro spalle si toccarono.
Alberto non disse nulla e non si spostò, impaurito per quello che avrebbe pensato Giorgio.
Il contatto della calda pelle liscia con la sua gli fece girare la testa aumentando l'eccitazione e dandogli un'erezione tanto palpitante da fargli male. Giorgio aprì la rivista e la sfogliò finché non trovò alcune delle immagini che cercava.
"Ecco uno delle foto migliori", disse Giorgio appoggiando la rivista sul grembo dell'amico. Alberto guardò l'immagine che rappresentava un uomo ed una donna che gli sembrò stessero giocando nudi ad un'impossibile partita di Twister. Ma quando Giorgio tese il braccio l'attenzione di Albertolo si concentrò sul ciuffo di peli biondi che aveva sotto il braccio: fu una cosa che l'intrigò. Si accorse che Giorgio lo stava guardando e fece finta di guardare la rivista mentre arrossiva d'imbarazzo. Giorgio riprese la rivista strisciando sopra l'erezione e la coscia dell'amico col dorso della mano mentre si muoveva.
Si girò e mise la rivista sotto le altre due, avendo la sensazione che lo stesse guardando Alberto ebbe paura di essere chiamato all'ultima mossa. Aveva sentito il breve tocco, ma non l'aveva infastidito; stava guardando il compagno nella speranza di riuscire a dare un'occhiata al suo pube dorato e non si accorse che Giorgio era consapevole del suo sguardo. Guadando la schiena e le braccia dell'amico, ammirò i muscoli della schiena e delle spalle che erano visibili e si contraevano sotto la pelle e le scapole che formavano un incavo liscio.
Non che fosse particolarmente muscoloso, ma ben fatto per la palestra.

Giorgio si voltò con un'altra rivista ed Alberto tentò di distogliere gli occhi con poco successo.
"Questa è veramente hard core." Disse dandogli la rivista. "Erotica svedese" dichiarava la copertina.
"Posso prenderne in prestito una; portarla a casa? " Alberto voleva andarsene via presto.
"Perché?"
"Perché voglio leggerla." No, pensò tra di sé, perché foglio farci sopra una sega.
Giorgio sentì un'onda di tensione attraversarlo pensando alla prossima mossa. Trattenne il fiato.
"Sarebbe figo se tu volessi farti una sega qui. Voglio dire, io lo faccio sempre." Ed aspettò ansioso.
Alberto sentì il sangue affluirgli alla testa, lo voleva veramente, ma non voleva che Giorgio scoprisse che era senza peli. Era anche preoccupato dal fatto che Giorgio si fosse accorto che lo fissava.
"Io... " sussurrò. "Ma..."

Giorgio era preoccupato e sapeva che se avesse lasciato che Alberto se ne andasse così, probabilmente l'avrebbe detto a tutti i suoi amici e non era una bella cosa.
"Possiamo farci una sega l'un l'altro. Guarda che lo fanno tutti. Non l'hai mai fatto al campeggio?"
Questa volta Alberto vide della paura sulla faccia di Giorgio e capì che parlava seriamente.
"Lo voglio!" disse visibilmente sconvolto, "ma non posso. Non ti posso dire il perché."
Giorgio capì che doveva fare qualche cosa per spingere Alberto, gli appoggiò le mani sulle spalle e cominciò a carezzargli e sfregargli la schiena. Rimase stupito dal calore e dalla tenerezza della pelle che gli copriva la schiena.
Alberto si rilassò sotto le mani fresche dell'amico e sentì che gli piaceva veramente. Era bello avere qualcuno che si prendesse cura di te e pensò tra di sè che era bello che fosse Giorgio. Era sufficiente quello strofinamento sulla schiena per aumentare la sua eccitazione, aveva bisogno di fare qualche cosa sulla sua erezione che pulsava incredibilmente.
"Ho dannatamente bisogno di una sega!" ammise.
"È ok", disse Giorgio. Toccare Alberto e sentire il calore del suo corpo gli aveva provocato un dolore all'inguine che gli era salito al torace. Accarezzò l'amico sulla schiena, si alzò ed andò alla porta. La chiuse a chiave e si rivolse verso l'altro guardandolo negli occhi ed aprendo la zip dei jeans. Senza togliere gli occhi da Alberto li fece scivolare alle caviglie e ne uscì.

Alberto guardò intimidito l'erezione incurvarsi contro le mutande con la punta poco sotto la banda elastica; gli sembrò molto più grosso del suo anche se era l'unica erezione che avesse mai visto.
"È enorme!", disse sbalordito.
Giorgio sorrise timidamente mentre si avvicinava all'amico che non si era ancora mosso dal letto.
"Io penso che sia un po' piccolo, è lungo solo 12 centimetri quando lo misuro. Ma sono sicuro che crescerà di più." Si fermò di fronte all'amico. "Forza, alzati!"
Alberto si alzò in piedi con le mani sui fianchi ed una piccola protuberanza nei jeans. Giorgio mise delicatamente le mani tra i jeans di Alberto e la sua vita, strisciando il palmo della mano sull'ombelico. Lentamente sbottonò il primo bottone e lentamente abbassò la chiusura lampo. I jeans erano stretti e glieli tirò giù sui fianchi mentre si inginocchiava. Quando li ebbe abbassati alle caviglie, Alberto lo aiutò uscendone. Giorgio si sedette indietro sulle cosce e fissò, ancora una volta, ma questa volta solo da 30 centimetri, le cosce sode, abbronzate e cremose di Alberto. Le seguì con lo sguardo fino all'orlo delle mutande e vide il pene che quasi ne usciva.
"Non è così piccolo", disse, incapace di controllare il calore che sentiva crescere nella pancia, "Era di quello che ti preoccupavi?" E si alzò.
"Sì." Alberto era leggermente imbarazzato vedendo che Giorgio sembrava pensare che andava tutto bene. Notò c'era una piccola macchia bagnata sulle mutande dell'amico.
"Cos'è?" Chiese, "Non sei venuto, vero?"
"No, no, succede quando sono veramente eccitato." Improvvisamente si rese conto del significato della domanda. "Oh, capisco, non hai peli, vero?"
"No." Disse malinconicamente.
"Nessun problema, l'ultimo anno almeno la metà dei ragazzi sotto le docce non mostravano peli fino alla fine dell'anno. Io non ce ne avevo sino all'estate scorsa." Poi confidenzialmente "mi sentivo veramente uno straccio."
Alberto era curioso.
"Posso vederlo?" Chiese con trepidazione.
"Sicuro, ma io devo vedere il tuo; questo è il punto."
Giorgio tirò l'elastico delle mutande sulla sua erezione sporgente e li fece scivolare giù sulle gambe magre, lasciandole cadere intorno ai piedi. Ne uscì e si mosse verso il letto, si sdraiò su di un fianco e si appoggiò ad un gomito. Alberto lo seguì con lo sguardo senza perdere una mossa.
I suoi occhi guidati dal sorriso invitante di Giorgio andarono agli stretti capezzoli rosa, salirono ai muscoli delle spalle, giù alle braccia magre e lisce a parte una spruzzata di peli dorati, indietro alle costole semi visibili nel torace che si alzava e contraeva ad ogni respiro. Vide il cespuglio di peli sottili sotto le braccia ed i muscoli leggermente definiti dello stomaco.
Sotto, oltre il giro di vita ed intersecandosi con le linee delle cosce c'erano un piccolo cespuglio di peli lanuginosi quasi biondi come i suoi capelli. Coperto di radi peli sottili, lo scroto pendeva leggermente in giù sulla coscia sinistra e si intravedevano due piccole protuberanze appena discernibili. Puntato verso l'esterno e curvato verso la sua c'era il pene pulsante. Un'ombra più scura di pelle rosa circondava la cappella che spuntava e pulsava ad ogni battito cardiaco.
Alberto era affascinato dalla vista e lo fissò per quello che sembrò essere un tempo lunghissimo.

"Avanti, ora tocca a te!" Disse Giorgio impaziente e poi aggiunse: "Non costringermi a strapparti le mutande."
Alberto se le tirò giù timidamente sussultando di sorpresa quando si impigliarono sulla punta della sua erezione. Giorgio rise mentre l'amico se le toglieva e le lasciava cadere vicino al compagno. Questa volta fu Giorgio a meravigliarsi, capì che era fortunato ad essere testimone di quel bel fisico, si concentrò sulle cosce per poi risalire lungo il corpo flessuoso del ragazzo.
I suoi piedi, delicati ed aggraziati come il resto del corpo; i suoi polpacci ben definiti ma non muscolosi; le sue ginocchia bene formate e che si increspavano leggermente; le sue cosce sode. Oh, le sue cosce, che conducevano Giorgio a vedere il piccolo sacco, senza peli e contratto contro il corpo. Al di sopra, sporgente solo leggermente dalla verticale, un piccolo ma squisitamente formato
pene, coperto di pelle liscia dello stesso colore del resto del corpo. Le linee dell'inguine salivano verso l'alto e l'esterno alle anche snelle. La pelle sopra il pene, dove era abituato a vedere dei peli, sembrava stranamente nuda ed era più morbida e più liscia della seta. L'addome era liscio ma l'area rotonda che andava dalla vita alle costole, mostrava dove era probabile che i muscoli dello stomaco si sarebbero definiti in futuro. Come Giorgio mostrava un accenno di muscoli pettorali, coperti da due piccoli capezzoli marroni. Giorgio era preso da come la clavicola di Alberto sporgeva dal suo torace e definiva l'inizio del suo collo delicato, anche lui liscio, senza traccia di pomo d'Adamo. Le braccia si curvavano con grazia partendo dalle spalle, si arrotondavano ai bicipiti e mostravano l'aggraziata delineazione degli avambracci. Tuttavia la caratteristica più impressionante, pensò Giorgio, era il suo mento. Piccolo e delicato, mostrava quasi orgoglio e sfida, era l'abbinamento perfetto col suo corpo luminoso.
"Vieni qui con me", lo invitò "voglio dare un'occhiata più da vicino."
Se era possibile Alberto era più curioso di Giorgio e scivolò rapidamente sopra il letto, vicino all'amico e girato verso di lui. Giorgio gli fece passare le mani sotto le braccia ed intorno alla sua schiena, circondandogli il corpo e lo strinse ermeticamente a sè. Così stretti erano acutamente consapevoli del calore che sentivano uno del corpo dell'altro.

A Giorgio piaceva la vicinanza e si eccitava al calore intenso delle cosce di Alberto che sentiva sul suo uccello pigiato tra le gambe dell'amico e che gli strisciava sullo scroto. Sentiva anche il cazzo caldo di Alberto appoggiato con forza contro il suo ombelico. Giorgio si mosse leggermente su e giù, qualche centimetro, muovendosi quel tanto che l'abbraccio gli permetteva. Alberto si lamentò di piacere e mise le mani intorno alla schiena del compagno spingendosi contro la sua pancia. Giorgio non riuscì a trattenersi e strisciò le labbra di Alberto con le sue. Quando l'altro rispose, mosse la lingua sulle sue labbra. Alberto fu rapido a rispondere e le loro bocche aperte si incontrarono mentre le loro lingue si avvolgevano l'una con l'altra.
Dopo poco Alberto tirò via la testa, ma tirò con più forza a sè la schiena dell'amico che si lamentava in estasi. Giorgio sentì il calore del corpo di Alberto diventare più intenso ed il corpo stretto sotto le sue mani rabbrividire mentre sentiva il pene duro dell'amico muoversi spasmodicamente contro il suo stomaco. Questo portò Giorgio quasi all'orgasmo, ma Alberto si rilassò e rotolò via con un sospiro felice. Si girò di nuovo verso l'amico e si rese che non era venuto e lui chiaramente voleva vederlo.

"Aspetta un secondo." Rotolò con grazia fuori del letto e recuperò il vaso di vasellina. Ritornando, aprì il coperchio ed intinse un dito nella gelatina fresca. Nel frattempo Giorgio era rotolato sulla schiena a gambe leggermente aperte. Alberto salì sul letto, si mise a gambe divaricate con le ginocchia ai lati delle cosce di Giorgio e si sedette indietro sulle gambe. Dopo averne preso un po' dal vaso, lo diede a Giorgio che lo mise al suo fianco ed alzò la testa dal cuscino a guardare l'amico.
Usando la sinistra Alberto carezzò delicatamente la pelle grinzosa del sacco di Giorgio, sentendolo contrarsi sotto il suo tocco. Fece correre le dita tra i sottili peli pubici e gli carezzò la coscia facendolo lamentare di piacere frustrato. Sempre usando la sinistra gli menò leggermente su e giù l'uccello pulsante, assaporando la sensazione di sentire un altro pene come fosse il suo.
Fece correre il dito rivestito di vasellina su e giù sull'asta di Giorgio, rivestendo leggermente tutta la lunghezza del suo pene, rendendolo brillante nella bassa luce. Poi, usando tutta la mano, afferrò l'asta e fece scivolare il pugno stretto su e giù sull'intera lunghezza, dalla testa ai peli sullo scroto che carezzavano delicatamente le sue dita. Fu stupito dal calore che pulsava nella sua mano e lo sentì crescere più duro che mai. Giorgio stava ansando e spingeva verso l'alto più che poteva col peso dell'amico sopra di se. Alberto poteva sentire lo stringersi ritmico delle cosce e del sedere di Giorgio. Poi un uggiolare sfuggì dalle labbra dell'amico ed Alberto sentì la testa del pene allargarsi sotto la sua mano mentre il ragazzo dava una spinta finale.
Simultaneamente uno sprizzo di sperma biancastro eruttò volando in aria e colpendo Alberto sul torace. Il secondo sprizzo aveva meno forza ed atterrò sull'interno della sua coscia verso l'inguine, da dove poteva sentirlo gocciolare giù intorno allo scroto. Gli ultimi tre schizzi erano deboli e fluirono sulle sue dita, ma lui sentì il pene ed il corpo di Giorgio rabbrividire sotto di lui almeno altre cinque volte. Giorgio si lamentò ogni volta e quando fu esausto, si chinò in avanti, tirò Alberto sopra di se e l'abbracciò stretto. Alberto sentì il cazzo di Giorgio, che stava diventando molle, strisciare alla base del suo scroto ed il suo uccello duro scivolare sulla pancia dell'amico sdrucciolevole per lo sperma.
Si baciarono come avevano fatto prima e Giorgio sentì l'erezione dell'amico pigiare contro di lui.
"Ce l'hai di nuovo duro, non è vero?" chiese Giorgio torpidamente.
"Sì." E Alberto cominciò a ridere, "Ma tu sei troppo fiacco."
"Oh, Sì?" Giorgio rispose alla sfida rotolando sopra Alberto spingendolo sulla schiena, "Ora vedremo chi è fiacco!" Gli bloccò le mani sopra la testa mentre gli pigiava la bocca sulla pancia e soffiò facendogli il solletico. Alberto non poteva smettere di ridere e rimase senza fiato e con le lacrime agli occhi quando Giorgio si fermò e si sedette indietro, vittorioso, mentre Alberto respirava affannosamente.
"Comunque non mi sembra che abbia avuto effetto sulla tua erezione." Osservò Giorgio notando il cazzo sempre duro.
"Quindi cosa pensi di fare?" Rinfacciò Alberto.
L'amico rispose spostandosi in giù e carezzandogli delicatamente il piccolo scroto, sentendo la levigatezza e la morbidezza della pelle leggermente grinzosa e toccando delicatamente le piccole protuberanze rotonde facendole rotolare. Mise le labbra intorno al pene pulsante ancora scivoloso per la sua sborra. Alberto ansò per la sorpresa, ma quando Giorgio abilmente mosse la lingua intorno alla cappella ed all'asta facendo scivolare le labbra su e giù, l'ansimare di Alberto si mutò rapidamente in aneliti di piacere. Giorgio fece scivolare le mani dietro alle natiche del ragazzo e le strinse, tirando Alberto a sé. Lui tentò di aiutarlo spingendo. Quando sentì l'orgasmo salire nella sua pancia, gemette forte. L'improvviso intenso piacere ancora una volta gli attraversò il corpo, questa volta più potentemente di quanto gli fosse mai successo. Giorgio sentì tutto il corpo di Alberto tremare mentre il pene del ragazzo si espandeva nella sua bocca e pulsava contro la sua lingua.
Il corpo di Alberto rilassò sotto di lui.
Invece di fermarsi Giorgio prosegui ancora più furiosamente succhiando più forte e muovendosi più velocemente. Da come sentiva il sedere stretto dell'amico tremare sotto di lui capì che stava spingendo il più possibile. Un lamento basso e quasi continuo usciva dalla sua bocca. Senza alcun avviso l'inguine di Alberto esplose di nuovo, questa volta con un piacere così intenso da fargli perdere la ragione ed oscurargli la vista. Emise un uggiolare acuto e forte mentre il suo corpo pompava un'altra volta nella bocca di Giorgio dopo di che crollò indietro esausto.

Giorgio si sdraiò vicino all'amico e tenne il suo corpo sudato vicino al suo, Il cuore di Alberto batteva all'impazzata. Rimasero abbracciati per molti minuti poi Giorgio guardò la sveglia. I numerali rossi segnavano le 6 e 34. Bene, pensò, abbaiamo ancora tempo per una doccia. Pungolò Alberto nelle costole e si avviarono lentamente verso il bagno, con un braccio intorno alle spalle dell'altro.
  • Viste: 513
  • Aggiunto il : 2016-01-16 05:49:21

Recensioni

Bu Hikayeye Henüz Yorum Yazýlmamýþ
Neden ilk yorumu siz yapmýyorsunuz ?


Mappa Racconti Sesso
RSS Racconti Erotici Racconti Pornos Racconti Cazzo - Racconti Sesso