Commenti recenti

Prime Esperienze Con Il Cugino
anche io ho un cugino di pari età e quando avevam
-----------------------------------------------------
L'uomo tedesco combatte insieme madre e madre
a me è successo quando avevo 20 anni mentre stavo
-----------------------------------------------------
come si diventa cuckold
bravi e unesperienza stupenda e goduriosa vedere l
-----------------------------------------------------
Regalo di compleanno speciale
e fantastico.....fare sesso con la moglie e lamich
-----------------------------------------------------
Io e la mamma di Luca
ottimo
-----------------------------------------------------
Maestro sesso video francese College Girl
bello
-----------------------------------------------------
Hellen ed i miei sogni
bel racconto le bionde sono sempre le migliori e m
-----------------------------------------------------
Si mette una mano sulla fica di San Valentino
si
-----------------------------------------------------
Si mette una mano sulla fica di San Valentino
si
-----------------------------------------------------
Con la mamma
molto coinvolgente
-----------------------------------------------------

Etichette

giostre porno sega porno sborro violenze su negre porno porno nira candy video porno brigitta bulgari film porno gratis ragazza piena di sborra ragazze con tette cadenti porno anale olio italiano video sesso boy porno gratis porno mamma insegna figlio video porno gratis di mamme in gravidanza rumenetroie 18 anni hard italian video gratis massaggi video sexy massaggi porno sosia ilari blas sexi video mature gratis video pornovecchie porno seduzione genitori descarc video gratis orno porno studenteze Xxxgalars Dankee foto culi figa primi piani fighe debora porno gratis disco porn miscgele hunziger xnnx gratis video amica porno gratis porono italiano porn tv free italian alta matura e tettona fotte trans nera scopa figa bianca belle scopzte con euculazione amatoriale madre e figlio porno donne violentate da animali gratis ragazze nude in doccia video porno tra padre figlia video porno mame figlie italiane seso teen italiane porno. moglie e amante i videopiu sporchi porno video. porno. sex. sporco videopornoitaliano fottute mentre i mariti guardano google figa porno video porno anali italiani gratis porno anale ragazza vecchio con giovane fil porni porno milf pompinara immagini cazzo con figa fighe pelose belle mamme porche che scopano xnxx ragazze sexy video nudi cazzi che corrono porno sborrate enormi video porno sverginamento porno vidoo video porno gratis italiano donne vedove video di donne italiani cratis vecchia fa pompino in macchina darla crane pornostar woodman sesso gratis poliziotti porn italiani erika bella film porno gratis trova la casa piena di donne nude voglioporno porno veramente gratis biondona chiava col cavallo vidio porno del bangladesc italiano sesso anale porno gay uomo italiano porno parcheggio gratis xnxx troie che si masturbano pornovideo you porno italiano completamente gratis porbo mentee scopa la madre foto.di.belle.zoccole. 70enni.italiane. pompino a dildo porno vintage star in film porno nero video porno hantai piu belli video mature mobile video porno donne mature con figa pelosa donne figa pelosa film gratis donne adulte e formose che scopano le donne sesso ragazzi giovani sesso porno scaricare porno gratuiti done anziane video gratis sborrate dentro la figa video tette mamme prendiporno nadia mori Mamme rasate mamma e filia porno.it milf prima volta porno seche in treno elena cruz pornostar pompini italiano video cellulare spiaggia porno leporno mogli italiane neri villosi gay video porno crenpie

Strumenti

Gratis Porno Filmati - Storie Di Sesso

La fotografia (Cap. 2)

Pochi giorni dopo stavo seduto in un bar a bere un drink quando mi sentii salutare da una voce conosciuta
"ciao Maurizio"
Alzai gli occhi e riconobbi Ornella "ciao, come mai da queste parti"
"ti cercavo" mi rispose sorridendo "hai pensato a quello che ti ho detto?"
"A cosa?" dissi non capendo di cosa parlava
"alla mia proposta di fare il gigolò. E di che altro sennò! Parlavo seriamente, hai tutti i numeri per farlo. Ho parlato con delle mie amiche che farebbero carte false per ... incontrarti. Sono disposte a pagare, ed anche bene aggiungo io, se ... le accontenterai come hai fatto con me"
"Ornella senti, non vorrei offenderti ma, il nostro incontro era una scommessa con degli amici e basta."
"Pensi che non l'avevo capito? Un bel giovane come te che mi rimorchia per strada, che mi invita con parole chiare ed esplicite a letto ... dai non sono una ragazzina. Però devo dire che nessuno mi aveva fatto godere come te ... nessuno mi aveva lasciato sul letto intontita per gli orgasmi avuti, con la fica in fiamme ed un dolore alla mascella che mi è passato dopo due giorni. Pensa che più di una volta mi sono masturbata al solo ricordo di quella scopata." Mi disse leccandosi le labbra in un chiaro segno di eccitazione "Dammi retta, provaci. Cosa ti costa. Al massimo ti farai un'altra scopata, incassi i tuoi duecento euro e poi ti ritiri. Dammi retta" concluse sorridendomi
"ci penserò. Dammi il tuo cellulare e ti farò sapere" conclusi
Misi il suo biglietto da visita nel portafoglio, le offrii un drink e la salutai ringraziandola per l'interessamento
"Non credere che il mio interessamento sia innocente. Se accetterai vorrà dire che mi farai uno sconto quando richiederò i tuoi servizi."
Per tutta la settimana pensai alla proposta ed alla fine decisi di fare almeno un tentativo per poi prendere la decisione finale.
Telefonai ad Ornella che, contenta, mi diede il numero di telefono di Marina "chiamala all'ora di pranzo. Così potrà risponderti tranquillamente."
Per non aver problemi in seguito, comprai una cellulare economico con una nuova scheda, e alle 13,20 telefonai a Marina.
"Pronto?" mi rispose una voce leggermente roca "chi parla?"
"ciao sono Maurizio. Mi ha dato il tuo numero Ornella. Mi ha detto di chiamarti a quest'ora"
"Ah si! Non ci speravo più. Senti per me va bene domani sera alle 20.00"
"ok non ci sono problemi. Dove ci incontriamo?"
L'appuntamento era davanti ad un famoso locale dove si poteva mangiare qualcosa di vizioso per poi darci ... alle pazze gioie.
Capii subito che era lei quando vidi entrare nel locale una donna molto simile ad Ornella, forse un po' più alta e, a prima vista, più magra (o meglio ancora meno cicciotella). Le andai incontro con disinvoltura, guardandola negli occhi per vedere le sue reazioni, e giuntole vicino le presi una mano chiedendole
"Marina?"
"Maurizio?" rispose lei sorpresa
"sei incantevole"
"sei un bugiardo" mi rispose ridendo
ci sedemmo in un tavolino ed ordinammo da bere. Più che mangiare stuzzicammo qualcosa. Il suo modo di fare, di parlare me la fecero vedere come una donna autoritaria, o forse come una donna obbligata ad essere autoritaria, una donna che dava ordini, che comandava, ma che allo stesso tempo avrebbe voluto essere comandata. Curioso di vedere il suo comportamento abbassai una mano dal tavolo mettendola sopra la gonna. Lei trasalì solamente a quel gesto, mi guardò prima con occhi irati, vidi nel suo viso una smorfia di sorpresa che si trasformò in una faccia gelida.
Ora scoppia pensai, ho sbagliato. Ma ero ancora convinto della mia impressione.
"Marina, stai calma. Mi hai invitato perché vuoi essere chiavata, posseduta, scopata ed allora è inutile fare quella faccia sorpresa ed incazzata. Sei qui volontariamente, nessuno ti ha obbligata. Se non la pensi così pazienza, altrimenti calmati e preparati al godimento" non sapevo come e da dove fossero uscite quelle parole, così dure e cattive, ma il suo cambiamento mi fece capire che avevo ragione.
Uscimmo quasi di corsa dal locale per salire sulla sua automobile. Arrivammo a destinazione nel giro di pochi minuti. La villetta era carina, aveva un giardino ben curato e fiorito (almeno per quello che potevo vedere a quell'ora) e l'aria profumava di fiori. Entrati in casa mi lasciò in salone
"prendi quello che vuoi, mi rinfresco ed arrivo subito"
rimasto solo presi dal portafoglio la fotografia di mia madre, Luisa, la guardai un secondo per fissarmi nella mente la sua immagine, ma vi assicuro che non serviva perché lei è scolpita nella mia mente, e prima di riporla dentro la baciai come facevo sempre da anni.
"eccomi" disse Marina presentandosi nuda "vuoi andare al bagno anche tu?"
"arrivo subito, tu intanto vai sul letto. Troverò la strada da solo"
Entrando nella stanza la trovai distesa sul letto che sospirava mentre si masturbava, con gli occhi socchiusi, in attesa di me e solamente a questa vista sentii il cazzo indurirsi ancor di più.
Marina era quasi la fotocopia di Ornella anche se più magra. Le posai la mano sulla sua seguendo all'inizio i movimenti della sua masturbazione, con l'altra mano le strinsi il seno, stuzzicai i capezzoli irti e turgidi che spiccavano dalle mammelle che si muovevano al ritmo del suo affannoso respiro, la baciai, continuai la masturbazione giocando con le sue dita che sempre più velocemente sgrillettavano il clitoride e si infilavo nella fica. Il suo respiro si fece sempre più veloce, i gemiti, i lamenti aumentarono di volume diventando pian piano gridolini sempre più acuti e frequenti fino a quando non godette con un dito suo ed uno mio nella fica iniziando a spruzzare umori di goduria e di piacere.
"Aaaahhhhh ...... goodooooooo ....... Aaaaaaaaahhhhhhhh" mi urlava in faccia, con la bava che le usciva dalla bocca, con il corpo che smaniava. Le mie mani non si fermarono scendendo ad accarezzare le cosce, le caviglie, i piedi, per poi risalire facendo il percorso opposto. Marina giaceva sul letto meravigliata dall'intensità del piacere che provava mandando di volta in volta respiri e sospiri profondi. Chiusi gli occhi e subito si affacciò nella mia mente l'immagine di Luisa, mia madre, che godeva del trattamento, che mi guardava con la bocca tremolante balbettando "Mauriziooooo ...... ooooohhhhh maurizioooooo sei mioooooooo .... oooooooooooohhh ..... siiiiiii", con il corpo mosso dall'orgasmo che la raggiungeva violento facendola muovere in modo scomposto. Giunsi all'altezza del clitoride che sfiorai appena prima di risalire a stringerle il seno mentre iniziavo a leccarla, a succhiare e bere gli umori che continuavano ad uscire dalla fica, le leccavo l'ano, lo stuzzicavo, ci infilavo la lingua gustandomi il suo sapore forte ed acre. Marina gridava parole sconnesse spesso interrotte da gemiti affannosi "oooooohhh....... Siiiiii ....... Bello ....... Leccamelaaaaaa .... Chiavami ...... cazzoooo .... Ooooooohhhhh ......" parole che aumentavano l'eccitazione mia e dell'immaginaria amante, di mia madre.
Mi trattenni dal farla godere di nuovo, mi alzai sul letto, la feci inginocchiare e le misi il cazzo davanti alla bocca. Marina goffamente lo prese in bocca ma quasi subito le vennero i conati di vomito
"scusami non sono abituata. A mio marito non l'ho mai fatto, mi ha sempre fatto schifo." Mi disse riprendendolo in bocca, in minor misura.
"succhialo, leccalo, pensa che sia un gelato. Bene, brava, così, aiutati con il movimento della testa .... Ohhh vedi che inizi ad imparare" le parlavo con voce calma dandole indicazioni su quello che doveva fare per darmi piacere e, nonostante qualche momento di panico in cui ero sicuro che avrebbe vomitato, le seguiva lettera per lettera.
"Brava, così ... tuo marito non sa cosa perde .... Brava, ciuccia così" mormoravo mentre l'eccitazione cresceva. Interrompi il fellatio e la feci alzare, la baciai sulla bocca prendendo possesso della sua stanca lingua, la succhia, le mie mani strinsero i glutei con forza attirando il suo corpo verso il mio, la sua fica sul mio cazzo. La penetrai in un colpo solo affondando in lei fino in fondo, sentii il glande urtare sull'utero, udii la sua voce urlare mentre con movimenti veloci la sbattevo, la martellavo.
"Maurizioooooooohhhhhhhhh siiiiiiiii..........oooooooohhhhhh..........scopami ...... chiamami .... Inculami ..... tutto fai tutto quello che vuoiiiiiiii ......ooooohhhh ......... non ..... non credevo fosse .....oooooohhh .....fosse possibile questooooooohh ...... godooooo .......godoooooo.......oooooohhhhhhh"
calai il ritmo per far perdurare il suo piacere, in fin dei conti era per questo che mi pagava, uscii da lei per distendermi sul letto, mi salì sopra e si penetrò di nuovo danzando sul mio cazzo, sculettando ogni volta che le arrivavo in fondo, le sue mani torcevano, stringevano, torturavano il suo seno, le mie accompagnavano il continuo su e giù.
Aprì la bocca un'altra volta come se volesse urlare di nuovo, gridare il suo orgasmo, ma l'unico suono che ne uscì fu un "oooooooooooooooooooohhhhhhhhhhhh" prolungato che terminò all'arrivo dell'ennesimo orgasmo. Il suo respiro si fu sempre più affannoso, i movimenti più lenti, tanto che cambiai posizione per permetterle di riprendere fiato.
La feci distendere sul letto e guardandola negli occhi la penetrai lentamente, molto lentamente, centimetro per centimetro fino a quando non entrai tutto in lei. La sua faccia era stravolta dal piacere che provava come dimostrava anche la sua bocca perennemente spalancata.
La fica era talmente sfondata da darmi l'impressione di muovere il cazzo in uno spazio vuoto, non riuscivo a toccare nulla, nessuna parete, se non l'utero quando arrivavo al fondo. Continuai comunque a muovermi per assecondare le richieste di Marina gridate sempre più forte
"Ancoraaaa .... Più forteeeeeee......... oooooooooooohhhhhhhhhh siiiiiiiiii spacamelaaaaa tuttaaaa ........ancoraaaahhhh ......"
Dopo un po' di tempo però mi ricordai che ero io che dovevo comandare e non lei. Pensai che la prima impressione che avevo avuto al bar era giusta e che dovevo assolutamente cambiare il trattamento.
Di colpo mi fermai, uscii dalla sua fica e la fissai
"ora basta! Mi sono rotto, hai la fica talmente slargata che non provo nulla. Ora cambiamo registro. Intanto inizia a ciucciarmelo" le dissi portandole il cazzo all'altezza della bocca "ricordati come hai fatto prima e non smettere fino a quando non te lo dico io. A proposito voglio sentire la tua gola questa volta. Tutto in bocca altrimenti me ne vado"
Marina rimase per un secondo immobile, non so se dallo stupore per quello che aveva udito o per prendere una decisione, ma poi fece quello che le avevo ordinato, in un solo boccone. I conati di vomito erano scomparsi, mi leccava il cazzo assaporando anche il sapore dei suoi umori, lo affondava sempre di più nella sua bocca massaggiandomi allo stesso tempo lo scroto con movimenti lenti e circolari che, finalmente, mi fecero sentire un po' di piacere
"Brava .. ora puoi anche dire che mi hai fatto un pompino. Continua così"
Queste crude parole aumentarono la sua eccitazione tanto che vidi una sua mano muoversi verso il basso per raggiungere il clitoride.
Senza farla staccare dal cazzo passammo alla classica posizione del sessantanove con lei sopra di me. Leccai la fica partendo dal clitoride e arrivando infine al suo ano dove mi fermai più a lungo e ripartii in senso opposto. Contemporaneamente posai l'indice della mano destra sullo scuro orifizio iniziando a giocarci. Il solo contatto fece sobbalzare Marina in un modo scomposto
"No ti prego, quello no"
"Marina continua a darmi piacere con la bocca e pensaci sopra. Non farò nulla senza il tuo assenso. Ora tranquillizzati e continua a succhiarmelo che manca poco e vengo"
E così fece. Riprese a ciucciarmi il cazzo mentre io continuai a leccarle la fica e a farle sentire il dito sull'ano. Presi il gonfio clitoride tra le labbra e lo succhiai a fondo, lo spatolai sempre più velocemente fino a quando non venne. Nello stesso momento in cui fu assalita dall'orgasmo spinsi velocemente il dito nell'ano. Marina aumentò il movimento della testa e la forza delle ciucciate portandomi al mio orgasmo colpendola di sorpresa.
Lo sperma le inondò la bocca facendola quasi soffocare
"oooooohhhhhhhh bravaaaaaa ... sssssssssìììììì ........continuaaa ... succhiaaa ...... ohhh" urlai il mio godimento e spinsi ancora più il cazzo nella sua bocca. Marina, superato il primo momento di sorpresa e forse di imbarazzo, ingoiò tutto lo sperma continuando a succhiarmi il cazzo mentre io ripresi a leccare la fica da cui continuavano a sgorgare fiumi di umori. Sembrava che non sentisse più il dito che aveva nell'ano e quindi provai ad inserire un secondo per allargare quel buco che volevo violare ma mi fu impossibile perché Marina, forse capite le mie intenzioni, cambiò posizione. Quando si sdraiò vidi il suo volto radioso, la sua bocca sporca di sperma negli angoli che mi sorrideva, gli occhi avevano una luce diversa da prima e da essi scendevano lacrime solitarie che si mischiavano alle gocce di sudore perlaceo.
"grazie" mi disse Marina "non avevo mai goduto tanto come non avevo mai fatto ... certe cose."
"potevi fare anche nuove esperienze"
"forse la prossima volta. Oggi proprio non ci riesco neanche a pensarci, pensa a farlo"
"va bene."
Queste furono le sole parole che scambiammo. Mi alzai, mi feci una doccia ed uscii da quella casa non dopo aver incassato le 200 Euro previste.
Marina mi lasciò di fronte al bar dove ci eravamo incontrati poche ore prima "quando vuoi chiamami" le dissi baciandola sulla porta "ma ti avverto che la prossima volta non sarò così clemente"
Salito sulla mia automobile presi la fotografia di mia madre; la guardai, la baciai e piansi di disperazione per la sua lontananza e per l'amore che provavo per lei.
  • Viste: 265
  • Aggiunto il : 2016-01-16 05:52:29

Recensioni

Bu Hikayeye Henüz Yorum Yazýlmamýþ
Neden ilk yorumu siz yapmýyorsunuz ?


Mappa Racconti Sesso
RSS Racconti Erotici Racconti Pornos Racconti Cazzo - Racconti Sesso