Commenti recenti

Addestramento di una moglie su richiesta del marit
hello my family member i want to say that this art
-----------------------------------------------------
Addestramento di una moglie su richiesta del marit
wow this could be one particular of the most usefu
-----------------------------------------------------
Schiave del mio cazzo
voglioscopare
-----------------------------------------------------
Prime Esperienze Con Il Cugino
anche io ho un cugino di pari età e quando avevam
-----------------------------------------------------
L'uomo tedesco combatte insieme madre e madre
a me è successo quando avevo 20 anni mentre stavo
-----------------------------------------------------
come si diventa cuckold
bravi e unesperienza stupenda e goduriosa vedere l
-----------------------------------------------------
Regalo di compleanno speciale
e fantastico.....fare sesso con la moglie e lamich
-----------------------------------------------------
Io e la mamma di Luca
ottimo
-----------------------------------------------------
Maestro sesso video francese College Girl
bello
-----------------------------------------------------
Hellen ed i miei sogni
bel racconto le bionde sono sempre le migliori e m
-----------------------------------------------------

Etichette

ti piace il mio culo video porno di mamme con i propri figli foto porno di giovani ragazzi videoporno jessika rizzo la cugina porno gratis film porno coreano porno mamme e figlio scopata su lavoro giapponese inculata madri scoprono i figli video gratis colf lesbica porno anale mamme pirno edtremo gratis filmati ard barbara durso xnxx donne violentate pompino veloce gratis prendiporno linguaitaliana donnaporno prendi porno anziane troie porno silenzioso film porno italiani in albergo pompinara valtellinese filmati porno lesbo gratis film erotico barbara rumeno video porno porno masaggi anali Racconti Mamma Culo Perizoma megasesso baby xxxporno lesbico film porno thailandesi cazzi video madri vecchia scopano in filmini porno sexy party pompini Porno Sperma litri foto di tette grandi naturali video porno mia moglie con amica fanno sesso a tre in hd mi hanno legato e si sono scopati la mia ragazza video porno porno pompini da mature tettone mature foto i piu belli video amatoriali porno video porno sorpresa nonne oelose porn gratid pornostar xvideos donna scopa con il cane ragazza fa pompini perfetti porno casalinga foto free filmini caldi porno italiane in famiglia porno vomita il migliore video porno del mondo film porno di ilari di blasi viviana nera italiana figa pelosa mature supertettone teen vergine anale video gratis pompinare in calore video scopate madri e figli la madre scopa in bagn por no ve cchie troie che fanno lompe Mia Suncera Sonnambula Racconti massaggi e pompini troue italiane al lavoro video porno piedi e collant in hd freesex 3gp .mobi cazzo fregna immagini cazzi neri nina moric film porno gratis video pornodivecchie troie porn una figlia porno gay ultimi video prostituta tettona che fa porno Carezzoli enormi porno porno piu porno gratis compilation enormi sborrate video porno milf con ragazzi nonna italiana sexy nipote youporn madre scopa figlio prigioniero amazzoni nude video porno nere porche tettone video porno video gratis di mamme che scopano con cazzi piccoli pompino al nonno cazzone video di fighe gratis filmporno con ragazzi . video gratuiti di donne che scopano con animali prima pecorina xxxgratis italiano bionda a nimale porno in casa video porno italiano donneincarne video porno italiano 18 anni prendi tv voglioporno trans nudo in spiaggia nudista milf dell'est porno italia xhamster gratis uomini che leccano video porno la madre trova il figlio che si masturba 51enne troia ita porno arruva con il cliotoride video porno porno nere gratis scopata con una collega video amatoriale il sito porno piu grande del mondo video hard sborrate dentro la figa

Strumenti

Gratis Porno Filmati - Storie Di Sesso

Ho rubato il ragazzo a mia sorella (Parte 11)

Quando io andai a scuola il giorno seguente mi accorsi di occhiate strane degli altri studenti. Le ignorai e mi comportai come al solito. All'ora di pranzo Giacomo ed io ci sedemmo alla solita tavola. Mi accorsi che molti ci guardavano e bisbigliavano. Poi sentii un grido: "Guardateli!" Mi girai e vidi Alice che ci stava indicando. "Non sono disgustosi?!"
Tutti stavano guardando lei interrogativamente. "Quello che fanno in camera da letto non è naturale!"
"Signorina!" Gridò Andrea il mio allenatore di nuoto. "Non penso che quello che qualcuno fa nella sua camera siano affari di quelli che stanno in questo locale, ora gentilmente smetta di gridare e lasci che i suoi compagni finiscano il loro pranzo in pace."
Tutta la sala mensa applaudì. Dopo pranzo sentii meno bisbigli e sguardi dagli studenti. Alcuni mi avvicinarono. Giacomo ed io decidemmo di non mentire più, se la gente non poteva sopportare che Giacomo ed io stessimo insieme, quello era un loro problema. Mi rivolsero domande come: "Tu e Giacomo state insieme?" "Tu e Giacomo siete veramente gay?" Le domande erano piuttosto importune, ma compresi che erano di curiosità piuttosto che la volontà di essere crudeli.

All'allenamento di nuoto non avvenne nulla di speciale, ci stavamo preparando per vincere il campionato. Io ero la stella dell'allenatore che dopo aver dichiarato finito l'allenamento mi disse: "Nick, dopo aver fatto la doccia ed esserti rivestito, vieni da me."
Io accennai col capo e seguii gli altri nello spogliatoio. Vidi Io osservai Renzo borbottare tra di se, scivolai fuori dei miei speedo e mi feci la doccia. Poi ritornai al mio armadietto, mi vestii ed andai dall'allenatore: "Voleva vedermi?"
"Sì. Va tutto bene?"
"Sì. Non pottrebbe andare meglio, sono pronto per l'incontro di domani."
"No, non parlavo della riunione ma di qualche cosa d'altro che sta succedendo. Tua sorella ha causato un vero caos in sala da pranzo oggi. Nessuno ha infastidito te e Giacomo, non è vero?"
"Mi hanno rivolto molte domande sul mio orientamento sessuale e sul fatto che io e Giacomo siamo o no una coppia ma nulla di veramente cattivo."
"Bene. Ma per favore se qualcuno ti importuna fammelo sapere."
"Ok." Dissi io.

Andai a casa di Giacomo dove avrei passato la notte dato che i miei genitori stavano portando Alice dai miei nonni dove avrebbe dovuto stare finché il suo bambino non fosse nato. Cenammo coi genitori di Giacomo e poi passammo la sera guardando un film. Alla fine andammo in camera sua dove ci spogliammo; misi Giacomo a quattro zampe e spinsi il mio uccello nel suo buco caldo riempendolo del mio sperma.
Quindi lo feci sdraiare sulla schiena, lo succhiai e mi abbeverai del suo succo gustoso. Ci addormentammo uno nelle braccia dell'altro. Mi svegliai sabato mattina perchè Giacomo mi stava scuotendo.
Aprii gli occhi e gli sorrisi guardandolo nei suoi begli occhi: "E' ora di svegliarsi, campione!" Disse.
"Non ho ancora vinto niente!"
"Comunque sei il mio campione." Disse sorridendomi ed io gli sorrisi.
"Abbiamo tempo per una cosa fatta alla svelta?" Chiesi.
"Niente sesso adesso. Mamma ha preparato la colazione e dopo andremo in piscina per darti tempo di prepararti per la riunione. Non preoccuparti, più tardi faremo un sacco di sesso."
Borbottai, uscii dal letto e mi vestii ed andai a fare colazione con Giacomo ed i suoi genitori.

Dopo la colazione presi la borsa con tutto il mio equipaggamento e la gettai sul sedile posteriore della macchina di Roberto con cui mi portarono alla piscina dove presi il bus che doveva portare tutta la squadra alla riunione. Fui uno dei primi a salire e mi misi a guardare fuori del finestrino, poi sentii una voce: "Ehi Nick, ti dispiace se mi siedo qui? " Alzai lo sguardo e vidi Renzo.
"Fai pure." Dissi.
Renzo si sedette. "Nick, mi spiace per quello che ho fatto nelle scorse settimane."
"Penso che lo dovresti dire a Giacomo."
"Lo farò. Io voglio." Disse Renzo. "Alice mi teneva in ostaggio, ora spero di poter salvare la mia relazione con Tammy. Ho commesso un errore. Non ci sono scuse per quello che ho fatto."
"Perché sei andato a letto con Alice?"
"Ero arrapato, non so come fu, non ce la facevo più ed improvvisamente mi resi conto che Alice ed io lo stavamo facendolo come conigli. Comunque come ho detto non ho scusanti per quello che ho fatto."
"Comunque non devi preoccuparti, Alice non provocherà più guai, i miei genitori l'hanno spedita dai miei nonni."
Renzo accennò col capo. "Lo ami?" chiese.
"Sì, io amo Giacomo."
"Giacomo è stato sempre un po' strano per me, non capivo perchè non avesse mai una ragazza. Io non potevo passare tutto il mio tempo solo con lui quando potevo avere una ragazza, così finii insieme a Tammy. Da quel momento Giacomo non sembrò più essere interessato ad uscire con me."
"Era rimasto male, ecco perché."
"Non capisco perché."
"Immagina per un momento di essere single. E c'è una ragazza che veramente ti piace. Voi due cominciate ad uscire e cominci a sentire qualche cosa di più per lei, poi lei comincia ad uscire con un altro ragazzo."
"Vuoi dire che Giacomo mi desiderava?"
"Sì. Giacomo era innamorato di te e rimase male quando tu ti mettesti con Tammy." Sembrò che Renzo stesse per dire qualche cosa in sua difesa ma io proseguii. "Non è colpa tua perché non sapevi che Giacomo era gay o che lui voleva stare con te e per seconda cosa avere una ragazza è qualche cosa che la maggior parte dei ragazzi finiscono per avere. Solo immagina di essere innamorato di una ragazza, che lei finisca con un altro ragazzo e di non essere capace di dirle quello che senti. È doloroso, e per Giacomo fu un grande dolore quando tu cominciasti ad uscire con Tammy. Ecco perché lui si allontanò da te."
"Non ho fatto apposta a fargli male." Disse Renzo e vidi lo scintillio delle lacrime nei suoi occhi.
"Naturalmente, come ti ho detto tu non lo sapevi."
"Cosa lo fece allontanare da me?"
"Venne ad una riunione di nuoto Sperando che in qualche modo tu ti rendessi conto dei suoi sentimenti per te. Fu quando mi vide, smise di fantasticare su di te e cominciò a fantasticare su di me. Fu per quello che cominciò ad uscire con Alice, per essere vicino a me. Poi trovò il coraggio per dirmi cosa sentiva per me e fu sorpreso di scoprire che io sentivo lo stesso per lui."

"Ascolta Nick." Disse Renzo asciugandosi le lacrime. "Non so cosa uscirà da questa prova di DNA per il bambino di Alice. Voglio solo che tu sappia che io amo Giacomo." Tentai di sire qualche cosa ma Renzo continuò. "Non lo amo nel modo in cui lo ami tu, io l'amo come un fratello. Non potrei mai fargli male intenzionalmente; so che tu ed io non siamo mai stati amici ma voglio che Giacomo sia di nuovo parte della mia vita. Mi manca pazzamente. Non mi importa se è gay o sta con te, lo voglio di nuovo nella mia vita. Per favore Nick, io voglio di nuovo il mio amico, puoi aiutarmi?"
"Credo che Giacomo, i suoi genitori, ed i miei genitori stiano organizzando una festa a sorpresa per me dopo il meeting, naturalmente se vincerò. Sarà a casa di Giacomo, perché non vieni."
"Me lo permetteresti?"
"Io penso che anche tu manchi a Giacomo e se posso fare qualsiasi cosa per renderlo felice, sono pronto a tutto, ed inoltre è possibile che tu ed io finiamo per diventare amici."
"Ok. E Nick, tu vuoi che diventiamo amici?"
"Sicuro. Ti ho mai veramente odiato, Renzo e pensavo che forse un giorno o l'altro potevamo diventare amici."
Allungai una mano e Renzo la strinse, poi continuammo a chiacchiere per il resto del viaggio. Quando arrivammo alla piscina dove si doveva tenere la riunione, andai negli spogliatoi, mi misi gli speedos ed entai in piscina. Alzai lo sguardo e vidi Giacomo, i suoi genitori ed i miei genitori seduti in prima fila. Mi sedetti sulla panca ed attesi il mio turno. Renzo era seduto di fianco a me e chiacchieravamo con me. Poi chiamarono il mio nome.

Salii sul blocco di partenza. Renzo era su quello successivo. Al fischio mi tuffai. Non ricordo di aver mai nuotato più velocemente. Il ruggito della folla era un'eco distante per me. Nuotai avanti ed indietro. Feci un'altra vasca e vidi che ero arrivato primo. Vidi Giacomo che saltava su e giù, iI miei genitori gridavano. Subito dopo di me Renzo arrivò secondo.
"Credo proprio che abbiamo portato punti alla nostra squadra." Disse Renzo.
"Sì, penso che abbiamo fatto i migliori tempi della competizione." Giacomo scese a bordo vasca e mi baciò davanti a tutti. Renzo era di fianco a me e disse: "Giacomo, Posso abbracciarti?" Poi vidi che Giacomo e Renzo si stavano abbracciando stretto. Quando si separarono Renzo disse: "Mi sei mancato, Nick mi ha raccontato cosa hai provato quando ho cominciato ad uscire con Tammy. Voglio che tu sappia che non volevo farti del male e che non ti farei mai del male intenzionalmente. Ti amo Giacomo, tu sei come un fratello per me e mi sei mancato."
"È tutto ok, Renzo." Disse Giacomo. "Ora è tutto ok. Più tardi vieni a casa mia, faremo una piccola festa per Nick, sarà anche la tua festa dato che sei arrivato secondo."
"Ci sarò, posso portare Tammy?"
"Naturalmente, ora devo ritornare al mio posto, parleremo più tardi."
Giacomo mi baciò di nuovo prima di tornare al suo posto e quando lo fece un fotografo ci riprese. Aspettammo la cerimonia di premiazione e mi fu consegnato il trofeo. Renzo era accanto a me e stringeva orgogliosamente il suo trofeo per il secondo posto.

Renzo ed io sedemmo ancora vicini durante il viaggio di ritorno, prima che salissi sulla macchina asa di cavalcata di autobus. Prima che io ottenni nella macchina di mio papà, Renzo ed io ci abbracciammo me diviso un abbracci. Arrivammo a casa di Giacomo ed appena entrai sentii gridare "Sorpresa!" Giacomo aveva invitato alcuni dei miei amici e Renzo si presentò con la sua ragazza. Mentre stava parlando con Giacomo, Renzo mi fece segno di avvicinarmi e disse: "Giacomo, non avevo capito i tuoi sentimenti per me, tutto quello che posso dire e che mi dispiace di averti provocato tanto dolore."
"E' tutto ok." Disse Giacomo. "Se tu non ti fossi messo con Tammy io non mi sarei innanmorato di Nick. Alice ci ha provocato problemi, ma Nick mi rende felice ed io l'amo."
"Anch'io ti amo." Dissi a Giacomo.

Dopo un po' gli ospiti cominciaroni ad andarsene, io mi offrii di aiutare i genitori di Giacomo a pulire ma loro non me lo permisero. Rimasi a dormire da Giacomo e prima di addormentarci facemmo del sesso bollente.
Risultò che Renzo non era il padre del bambino di Alice, ma il vero padre risultò essere un centrale della squadra di calcio che si fece avanti e si offrì di allevare il bambino. La ragazza di Renzo gli perdonò il tradimento. Le settimane passavano, la fine dell'anno si avvicinava e Giacomo ed io decidemmo di andare insieme alla festa di fine anno.
  • Viste: 471
  • Aggiunto il : 2016-01-16 05:52:50

Recensioni

Bu Hikayeye Henüz Yorum Yazýlmamýþ
Neden ilk yorumu siz yapmýyorsunuz ?


Mappa Racconti Sesso
RSS Racconti Erotici Racconti Pornos Racconti Cazzo - Racconti Sesso