Commenti recenti

Addestramento di una moglie su richiesta del marit
hello my family member i want to say that this art
-----------------------------------------------------
Addestramento di una moglie su richiesta del marit
wow this could be one particular of the most usefu
-----------------------------------------------------
Schiave del mio cazzo
voglioscopare
-----------------------------------------------------
Prime Esperienze Con Il Cugino
anche io ho un cugino di pari età e quando avevam
-----------------------------------------------------
L'uomo tedesco combatte insieme madre e madre
a me è successo quando avevo 20 anni mentre stavo
-----------------------------------------------------
come si diventa cuckold
bravi e unesperienza stupenda e goduriosa vedere l
-----------------------------------------------------
Regalo di compleanno speciale
e fantastico.....fare sesso con la moglie e lamich
-----------------------------------------------------
Io e la mamma di Luca
ottimo
-----------------------------------------------------
Maestro sesso video francese College Girl
bello
-----------------------------------------------------
Hellen ed i miei sogni
bel racconto le bionde sono sempre le migliori e m
-----------------------------------------------------

Etichette

film italiani donne pompinare Porno babe brasile immagini porno trans porno nonni enipoti porno con mama gratis video porno gratis di insegnanti film porrno con dialogo italiano vedi video porno gratuiti video trans compilation porno gratuito donna italiano con uomo nero video porno film porno italiano da scaricare gratia donna formosa film sesso gratis scopata in un night club italiano porno nero nonno video you porn doppia video porno italiani di milf donne nude che succhiano il pisello hd porn dowlands pompino milli dabbraccio a me e mio marito piace prenderlo in culo porno coppie con gioco bottiglia Tope Nere Piene porno a tre gratis donne sex in carne vodep gay pprno in lingua italiana culo perstradaporno video gratis porno per celulare porno gratis italiiani video porno italiani con uomini vecchi rosse porno porno botto porno video mama sessopornolesboitalia film sex mamma giapponese in bus fiche sborrate dentro video gratis zia pirno italiana urla mature pelose amatoriale gratis porno amanti amatoriali pompini a scuola ragazzine minorenne video video porno madre matura italiana video belen porno gratis porno di michelle unziker atrici porno svedese pornografia iutube gratis gei youporno amatoriali porno donne giapponese ragazzo italiano si masturba video video di figa pelose pompini amatoriale dalla zia denise capri videos porno interracial youporn solo lingua italiana mio marito lo vuole video porno nonne calze mature puttane porno nude giovenni video porno massaggio lisa ann porno anziane porche amatoriali video gratis di sesso con donne vecchie pompini da eva henger ragazza viene inculata dal cane a sorpresa video porno di carmen russo megasesso belle donne nude e sexi xnxx i primi porno fillm porno di ragaxze pornospermadentro video porno gratis di sesso in vasca porno casslinghe italiane ragazza che si fa leccare figa gratis porno amatoriale gratuito donne italiane porno idraulico e mia fighia video porno free shemale mamme mature da scopare video altissime gratis cazzi enormi per giovani ragazze film gratis donne mature gratis megasesso anali teen lesbiche italiane hard sesso con tardone belle nonne troie gratis video porno alba pairetti Teen Ragazze porno youporn nere video porno i cazi piu grandi al mondo porno mandingo megasesso iuporn @. porn leccata di figa godimento fiomporno.com cleopatra film pono vidio porno italiani con barbra durso festa della donna filmati porno videomporno italiani gratis videi porno donne che vengono di continuo moglie amante ital porno Porno italia compleanno del marito Babysitter lesbo porno di cavallo gratis mamme affamate porno video gratis a mia moglie gli piace. nero sexi italiano gratis donna matura che fa pompino

Strumenti

Gratis Porno Filmati - Storie Di Sesso

Incontro sul ghiaccio

Bruno era il ragazzo più grazioso che Massimo avesse mai visto. La prima volta che era sfrecciato davanti a lui sul ghiaccio era stato come contemplare una visione della bellezza fatta uomo, aveva grazia ed eleganza nel suo pattinaggio. Le guance lisce avevano un lieve rossore e dall"espressione nei suoi occhi si capiva che era perso nel suo mondo mentre pattinava sulla Terra.
Massimo si sentì come un elefante o un ippopotamo a confronto del magnifico ragazzo snello, ottimo pattinatore.
La prima sera andò a casa e si masturbò come un pazzo, ora aveva una ragione per andare spesso a pattinare ed in breve cominciò a sentirne i benefici. Tutto il grasso in eccesso di birra e pizza cominciò a sciogliersi e lentamente cominciò a ritrovare la sua forma. Si sentiva così bene con se stesso che sentì che poteva avvicinarsi al ragazzo che ogni volta ammirava sul ghiaccio.
"Sei un gran pattinatore." gli disse un giorno.
"Grazie. Anche tu non sei male."
"Ce ne vorrà prima di raggiungere la tua forma."
"Mi piace la tua forma, io sono troppo magro... nulla a cui appendersi a letto. Comunque a me piace stare sotto, così mi piace che il mio ragazzo abbia le maniglie dell'amore da poter afferrare."
Massimo arrossì, sembrava un invito, ma non ne era sicuro.
"Prendiamo un hamburger?"
"Pensavo che non me lo avresti mai chiesto." Rispose Bruno prima di far scintillare un sorriso magnifico.
Bruno era un ragazzo veramente sexy e durante tutto il pasto Massimo sbavò sul piccolo fusto. Pendeva dalle sue labbra guardandolo profondamente in quei chiari occhi blu e dicendo le sue migliori sciocchezze per poter vedere quelle labbra sexy aprirsi in un sorriso.
Era troppo incantato per vedere che anche Bruno era un po' preso da lui. Gli piaceva la sua faccia aperta, onesta ed i suoi caldi occhi marroni. Immaginava di baciare quelle piene labbra rosse e far sentire l'ombra della barba pomeridiana solleticando il suo stomaco mentre glielo baciava scendendo alla zona di piacere. Bruno poteva vedere un ciuffo di peli scuri sopra il primo bottone della camicia di Massimo e si chiese se avesse anche un culo peloso. Non c'era niente che amava di più che un sedere sodo, carnoso, leggermente spolverato da peli di seta. L'impressione era che Massimo avesse tutte quelle qualità, certamente riempiva bene i jeans e la foresta di peli sul torace sembrava promettente.
"Sei peloso?" Bruno richiese improvvisamente.
Massimo arrossì, non per la prima volta.
"Troppo peloso." rispose "Mi sono prenotato per una ceretta la settimana prossima."
"Oh no... no. Non farlo!"
"Veramente?"
"Assolutamente." fece le fusa Bruno. "Io aaamooo un culo peloso!"
"Io penso che un culo peloso disgusti." disse Massimo. "Io odio il mio. Quando mi guardo nello specchio, è come guardare una scimmia, o qualche cosa del genere. Mi piacerebbe avere un bel piccolo culo, liscio come una pesca."
"Te lo dico." bisbigliò Bruno avvicinando la faccia a Massimo. "Io ho un culo così, ti lascerò giocare col mio se mi lascerai giocare col tuo."
"Affare fatto." disse Massimo alzandosi ed afferrando il cappotto.
Mezz'ora più tardi i due giovani arrapati arrivavano all"appartamento di Massimo. Entrarono in soggiorno e Bruno, sebbene più giovane, prese l'iniziativa, spinse Massimo sul sofà, si mise a gambe divaricate sulle sue anche e cercò le sue labbra succose, mature. Massimo sentì di essere più vicino che mai a quanto aveva sognato nella sua vita. Parlare di culo e roba del genere l'aveva maledettamente eccitato, ma non era come aveva immaginato. Lui avrebbe voluto prenderlo nelle sue braccio ed abbracciarlo stretto, annusare lo shampoo nei suoi capelli, carezzargli la nuca e baciarlo lentamente. Questo era più della sua fantasia.
Bruno era maledettamente un bravo amante e Massimo era su di una nube. Il suo uccello era incollato nelle mutande ed era così duro da far male. Le loro lingue duellarono mentre le mani di Massimo scivolavano sotto la camicia del ragazzo e danzavano sulla liscia e calda pelle della sua schiena. Non era mai stato così infoiato per qualcuno prima di allora; quel ragazzo così sexy gli toglieva il respiro e lui voleva baciarlo e coccolarlo per sempre, ma voleva anche incularlo alla morte.
Fu Bruno a prendere ancora l'iniziativa, interruppe di malavoglia il bacio dando un ultimo piccolo pizzico alle labbra sexy di Massimo, si alzò e cominciò a spogliarsi. Gli occhi di Massimo
erano incollati al bel ragazzo che cominciava a mostrare il corpo che era proprio come Massimo pensava. Bruno aveva un corpo ben fatto, senza un grammo di grasso. Il torace e lo stomaco erano completamente lisci; i piccoli capezzoli marroni erano come una gomma di matita che aspettavano solo di essere pizzicati. Si sbottonò i jeans e lentamente abbassò la cerniera. Con un dimenio delle anche i jeans scivolarono al pavimento e lui rimase con un paio di strette mutande bianche che lasciavano poco all'immaginazione. Un paio di belle palle stirava la parte inferiore della stoffa, mentre alla sinistra stava un grosso uccello che aveva depositato una macchia bagnata sulla stoffa.
"Oh sì... " Gemette Massimo. "Fammene avere un po'!"
Tirò Bruno a se e seppellì la faccia nella protuberanza nelle mutande. Strinse tra le mani il suo piccolo culo rotondo mentre leccava la macchia appiccicosa dove la pre eiaculazione era filtrata attraverso la stoffa. Il gusto e l'odore dell"eccitazione di Bruno infiammarono tanto Massimo da non riuscire a pensare correttamente. Tentò di fissare quel momento nel suo cervello mentre abbassava la cintura della mutande del ragazzo. Caddero alle sue ginocchia e saltò fuori il suo uccello carnoso che sembrava esagerato a confronto con la sua vita snella e lo stomaco liscio. Era il grosso uccello nerboruto che probabilmente ci si aspetta di vedere su un uomo più grosso e più vecchio che non su un ragazzo snello come Bruno.
Con un sospiro felice Massimo mise le mani intorno alla base di quel bell'uccello e notò che non riusciva ad unire le dita. L'uccello si restringeva dalla base alla corona, culminando con una testa snella di un brillante e profondo rosa.
Massimo alzò lo sguardo a Bruno che aveva gli occhi chiusi mentre si pizzicava la protuberanza del piccolo capezzolo; spalancò la bocca e lasciò che la bella testa scivolasse oltre la lingua nella gola. Bruno ora era in punta di piedi, sbuffava, ansava e farfugliava mentre sentiva la magia della bocca di Massimo e la sua lingua che lavoravano il suo attrezzo. Quello che aveva sperimentato precedentemente prima di allora era nulla a confronto di questo. Se Massimo gli avesse chiesto in quel momento di trasferirsi da lui e essere il suo innamorato per sempre, avrebbe detto di sì solo in forza di quel magico pompino.
Massimo lasciò il pene di Bruno e cominciò a baciargli le cosce facendolo contorcere di piacere. Poi gli baciò lo stomaco liscio e piatto ed il torace. Gli stuzzicò i piccoli capezzoli coi denti e la lingua prima di leccare tra le scapole e poi mordicchiargli i lobi delle orecchie. Bruno era un naufrago tremante a cui la lingua di Massimo tentava di attraversare le labbra che si arresero al suo bacio affamato.
"Andiamo in camera da letto." bisbigliò Massimo nell"orecchio del suo innamorato.
Lo prese per mano e lo condusse in camera. Si sdraiarono e cominciarono ad appagarsi nel più dolce sessantanove che avessero mai sperimentato. Bruno carezzò le ben sviluppate cosce pelose di Massimo mentre lui leccava lentamente la lunghezza della sua asta e le pendenti grosse palle pelose. L'aroma di Bruno gli riempì le narici mentre leccava e pizzicava la pelle sexy del suo innamorato. Gli accarezzò le palle pelose godendo del loro peso sul palmo della mano. Poi prese in bocca il fungo scivoloso di pre eiaculazione. Succhiando delicatamente quel bel pezzo di carne lasciò che le sue mani risalissero a solleticare le palle pelose di Massimo e stuzzicassero il cespuglio peloso.
Bruno si tirò via improvvisamente da Massimo con tale forza da preoccuparlo di aver fatto qualche cosa di male. Ma Bruno fece girare rapidamente Massimo sopra lo stomaco in modo da vedere quelle colline sode che erano precisamente come gli piacevano. Erano ben fatte, sode e piene, coperte di peli scuri, lunghi e setosi. Accarezzò avidamente i globi e li massaggiò profondamente prima di allargarli. Un nido scuro di peli ricci proteggevano il buco d'amore. Il culo di Massimo era ancora sudato per la pattinata e Bruno ne fu inebriato; in breve fu grufolante come un maiale in un trogolo mentre il ricco profumo di feromone riempì le sue narici e lo fece impazzire tanto da non riuscire a respirare.
Massimo si contorse sul letto mentre Bruno con l'abilità più sorprendente ed entusiasmo leccava. Mai prima di allora Massimo si era sentito così ad agio col suo culo che aveva pensato troppo grasso e troppo peloso. Ed ecco che l'uomo più caldo che avesse mai visto impazziva per il suo sedere; come era fortunato! Non resistette quando sentì il ragazzo far scivolare un dito bagnato di saliva nella sua condotta anche se normalmente non gli piaceva essere inculato. Questa volta aveva capito che non aveva alcuna alternativa e per Bruno avrebbe fatto qualsiasi cosa. Allungò una mano verso il comodino, trovò la bottiglia di lubrificante e la diede all'amico.
Il cuore di Bruno batteva nel torace mentre prendeva la bottiglia. Era il miglior risultato che avesse potuto sperare. Non stava pensando di fottere Massimo quando aveva cominciato a leccarglielo: stava rispondendo semplicemente ad un profondo desiderio a****le dentro di se. Spalmò un po' di quella roba scivolosa nel culo di Massimo e godette a sentire quanto meraviglioso fosse sentire il culo scivoloso chiudersi intorno al suo dito. Lentamente cominciò a fotterlo col dito fino a che lo stallone dal bel culo peloso non cominciò a spingere il bel culo avanti ed indietro sul dito. Era difficile dire chi stesse fottendo chi e Bruno pensò che il culo di Massimo era pronto.
Con le farfalle nello stomaco Bruno si posizionò sopra quel culo che lo faceva sentire debole di desiderio. Fece scivolare lentamente l'uccello tra le natiche di Massimo e stuzzicò su e giù la fessura. Massimo emise un forte sospiro mentre quel caldo uccello scivolava oltre il buco in attesa. Non aveva mai voluto niente così dannatamente e quando finalmente Bruno scivolò dentro, Massimo era l"uomo più felice dell'intera città. Contorse le anche e di posizionò in modo che la lancia che lo invadeva eccitasse di piacere ogni nervo del culo.
Bruno si sdraiò sulla larga schiena di Massimo e gli mordicchiò la nuca. Gli bisbigliò qualcosa di dolce in un orecchio prima di elevarsi leggermente sulle mani e cominciare ad incularlo lentamente con tutta la tenerezza e passione che poteva chiamare a raccolta.
Massimo perse l"uso della parola e borbottò, gemette e sospirò in risposta alle onde di piacere che gli attraversavano il corpo. Questo fu tutto; aveva trovato la chiave che poteva aprire la porta. Quel bel uccello grosso nel suo culo lo stava portando più in alto di un aereo, ad altezze mai raggiunte. Si arrese completamente alle spinte di Bruno e fu sorpreso dall"improvviso sgorgare di sborra dal suo uccello.
"Oh merda!" gemette. "Ho sborrato."
Bruno stava continuando e finalmente, dopo secoli, fu pronto a sparare; rapidamente aumentò il ritmo delle spinte, poteva sentire punture di spillo dietro alle palpebre chiuse, ora stava anelando come un cane ed il suo uccello era così sensibile quasi da torturarlo.
"Urrrrghhh!" gridò mentre il suo pene esplodeva spedendo un geyser di spesso e cremoso sperma profondamente nel culo di Massimo.
"Ho paura che non potrò andar via di qui fino a che non mi avrai fottuto." disse Bruno mentre si estraeva dalla condotta scivolosa di Massimo.
"È probabile che tu debba aspettare un'ora o due." Rispose Massimo ed andò ad aprire la doccia.
Bruno guardò il culo peloso del suo nuovo innamorato che rimbalza su e giù mentre camminava e non vedeva lora che arrivasse il secondo round.
  • Viste: 487
  • Aggiunto il : 2016-01-16 05:51:21

Recensioni

Bu Hikayeye Henüz Yorum Yazýlmamýþ
Neden ilk yorumu siz yapmýyorsunuz ?


Mappa Racconti Sesso
RSS Racconti Erotici Racconti Pornos Racconti Cazzo - Racconti Sesso